Horns by Joe Hill

Standard

mistNeil Gaiman – Sandman

Horns

Purtroppo non siamo qui a parlare di Sandman, ma di un romanzo di Joe Hill, la citazione però ci sta, dato che sempre di diavoli si parla.

Ig ha perso la sua vita ideale: la fidanzata Merrin è stata violentata e uccisa una decina d’anni prima, Ig è stato il primo sospetto e le accuse non sono state ne confermate ne ritirate causa mancanza di prove e degrado di quelle esistenti. Il ragazzo vive nel rimpianto e si consola con l’alcool e Glenna, l’unica persona che non sembra volerlo allontanare per il presunto omicidio.

Una notte Ig – più ubriaco del solito – dissacra i santini sul luogo di morte di Merrin, per poi svegliarsi la mattina dopo con un paio di corna demoniache e il potere di scatenare nelle persone il desiderio di raccontare i loro più terribili desideri e peccati.

Bisogna ammettere che questa prima parte del romanzo è decisamente ben fatta: l’idea delle corna, tutta la cattiveria che riescono a scatenare facendo rendere Ig consapevole di essere più solo e alieno di quanto avesse pensato. Grazie alle corna c’è una prima svolta nella ricerca del vero assassino di Merrin e da qui in avanti è una lunga e inesorabile discesa nella qualità del romanzo in cui all’Ig demone di oggi si alternano spezzoni di avvenimenti del passato.

Cosa non funziona secondo me:

  • al lettore è palese da subito chi sia il vero omicida di Merrin, quando hai un personaggio così strano e ossessionato dei dubbi te li poni: non Ig che rimane sinceramente stupito alla scoperta della verità
  • gli spezzoni nel passato mi sono risultati piuttosto noiosi, così come diverse scene di azione in cui – come sopra – l’esito è palese, quindi perchè perderci tempo?
  • la risoluzione finale sulla malvagità dell’arcinemico di Ig: perchè decidere di rimuovere la responsabilità del cattivo nell’omicidio? Si, è colpevole, ma non era colpa sua, colpa del colpo in testa subito in gioventù
  • in generale, come ho già fatto capire, la prevedibilità della trama

Gli perdono invece il finale buonista & tutto è bene quel che finisce bene: confesso di essere un’amante del finale irrealistico e del “volemose bene”, quindi non mi sento di criticarglielo.

Nota finale: ci hanno fatto pure un film che non ho ancora visto, ma mi dicono essere ancora peggio.

_______

Unfortunately we are not here to talk about Sandman, but about a novel by Joe Hill – the quote however is right, since it’s all about devil.

Ig had lost his ideal life: Merrin, the girl he loved, was brutally raped and killed about ten years ago, Ig was the former suspect and, due to lack of evidences and some of the evidence being destroyed by error, he was not arrested not freed from blame. Ig regrets his past and console himself with booze and Glenna, the only person who seems not to keep him at distance for the presumed murder.

One night Ig – drunker than usual – desecrate the image of the Saints on Merrin place of death, and wakes up the next morning with a couple of demonic horns that have the power to force people to share with Ig their inner sins and their desire to sin again.

I have to say that this first part of the novel is well-built: the idea of the horns, the evil they are able to trigger helps Ig in understanding he is more alone than he thought. The horns help Ig in the search of the person who murdered Merrin, and from this point on the quality of the book drops.

What does not work for me:

  • the reader easily guess about Merrin murderer, when there is a character so obsessed, so strange some doubt arise: only Ig is astonished at the truth:
  • the flashback are quite boring, as some of the action scene where the outcome is obvious, why making them so long?
  • the final information about Ig’s archenemy evil: why the decision to remove his responsibility in the murder?  Yes, he is guilty, but in truth the guilt comes from the fact he was hit on the head as a child, poor guy.
  • the overall plot predictability

I forgive the good & all is well that ends well ending: I must confess to like unrealistically good endings, so I won’t judge it.

Final note: a movie was based on this novel, and it appears to be even worse than the novel itself (I still did not see it).

_______

Horns by Joe Hill ★★★☆☆

2 thoughts on “Horns by Joe Hill

  1. Oedipa_Drake

    Come sai, sono d’accordo su parecchie cose, tuttavia, lasciamelo dire, io odio il buonismo/finali buonisti/finali positivi (questo spesso, ma dipende).😀

    Il libro è davvero meh e una grande occasione sprecata. Avendo letto NOs4A2 (che ha pure i suoi difetti), mi aspettavo qualcosa in più.

    Adesso, però, il film “devi” vederlo, suvvia, non sarò stata la cavia che ti ha demotivato (magari scopri un capolavoro che mi è sfuggito).😉

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s