Ubik by Philip K. Dick

Standard

I am Ubik. Before the universe was, I am. I made the suns. I made the worlds. I created the lives and the places they inhabit; I move them here, I put them there. They go as I say, then do as I tell them. I am the word and my name is never spoken, the name which no one knows. I am called Ubik, but that is not my name. I am. I shall always be.

Ubik

Ubik è uno dei più famosi romanzi dello scrittore Philip K. Dick, e una delle dimostrazioni più evidenti di quando il concetto di realtà sia relativo.

Il romanzo è ambientato negli Stati Uniti, nell’immaginario in cui gli uomini sono riusciti a colonizzare altri pianeti (Marte in particolare), esistono centri dedicati a gestire lo stato di semi-vita delle persone decedute (se il corpo viene conservato accuratamente si ha la possibilità di comunicare con lo spirito della persona), ed esistono anche precog e  soggetti con capacità telepatiche e telecinetiche (come in Minority Report).

Esistono anche aziende che basano la loro attività sull’annullamento dei precog (usati anche per carpire segreti industriali): a ogni potere se ne oppone uno uguale e contrario. Ed è proprio intorno a una di queste compagnie che ruota il romanzo: Glen Runciter possiede una delle più grandi compagnie e ha molti avversari e concorrenti; per scelte cruciali si affida anche al consiglio della moglie Ella, sospesa in uno stato di semi-vita.

Il romanzo è lineare fino alla fatidica esplosione che coinvolge Runciter e un team di anti precog assoldato per una missione rischiosa: Runciter muore e gli altri componenti del team arrancano per scoprire il mandante dell’omicidio.

Da questo punto in avanti non ci sono più certezze: il mondo intorno ai protagonisti (tra i quali spicca Joe Chip, amico di Runciter) sembra tornare inesorabilmente indietro nel tempo, compare Ubik, un misterioso prodotto in forma di spray, e due forze contrapposte sembrano contendersi la sorte dei protagonisti.

Ubik è un romanzo che non rassicura: la morte non è uno stato definitivo ma un momento di transizione, quello che si crede reale scricchiola e cede sotto i piedi. Non è neanche un romanzo che genera il panico, Joe affronta ogni prova con flemma, senza mai smettere di riflettere (e con la disposizione a credere anche all’incredibile).

Poi si capisce tutto, e poi non si capisce più niente, ed è il bello di Ubik.

_______

Ubik is one of the most famous novel by Philip K. Dick, and one of the most clear demonstration of the relativity of idea of reality.

The novel is set in the USA, in the imaginary version where humans were able to colonize other worlds (like Mars), where centers to deal with semi life of death people exist (if the body is preserved it’s possible to communicate with the person’s essence for a little time), and where precog and mind readers and such exist (like in Minority Report).

Some companies base their business in opposing precog and such (useful to steal industrial secrets): for each skill it’s possible to oppose one equal but in sign. The novel is about one of these companies: Glen Runciter owns one of the most valid industry and has competitors and rivals; for the crucial societal choices he asks often the help of his wife Ella, suspended in a semi life status.

The novel is linear till the turning point of the events, an explosion that involves Runciter and an anti precog team hired for a dangerous mission: Runciter dies and the others try to discover the killer instigator.

From this point on nothing is true or certain anymore. The world around the team (among them a mention to Joe Chip, Runciter’s friend) seems to go inexorably back in time, Ubik appears, a mysterious product in the form of a spray can, and two opposed forces seems to fight for the destiny of the protagonists.

Ubik is a novel that does not reassure: death is not the end but a moment of transition, what seems real creaks and collapses. It’s not a novel that creates panic, Joe faces everything with phlegm, without giving up in thinking about what’s happening (and with the disposition to believe also to the unlikely).

Then everything is clear, and then everything is confused again, and it’s the good of Ubik.

_______

Ubik by Philip K. Dick ★★★★☆½

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s