Memorie di una sopravvissuta by Doris Lessing

Standard

Il romanzo è ambientato in un imprecisato futuro in cui la società è al collasso e i governi mantengono il controllo solo tramite fugaci azioni di forza. Le città si svuotano, e i cittadini si spostano alla ricerca di qualcosa di meglio; il punto di vista del romanzo è quello di una donna, non più giovane, che abita in una palazzina di una delle città che si stanno svuotando.

La vita della donna si divide tra il cercare provviste, reperire informazioni e osservare quello che la circonda, almeno finchè non le viene affidata una ragazzina, Emily e il suo gatto Hugo. La donna descrive così anche il rapporto con la ragazza, sempre educata ma scostante, e le interazioni di Emily con il mondo esterno e con le bande di ragazzi e bambini che si stanno formando.

Abbiamo sotto gli occhi la civiltà che si sta disgregando, oltre a scorci del passato che appaiono come sogni alla protagonista.

Memorie di una sopravvissuta è un libro strano, lento ma capace di coinvolgere, nonostante le minuziose descrizioni di particolari ininfluenti. Può essere letto a più livelli, dato che molti elementi rimandano a temi classici dell’immaginario della scrittrice.

La postfazione è stata interessante: il romanzo si può collocare nel periodo in cui diversi scrittori riflettevano sul collasso della società (Ballard con Il Condominio, Burgess con Arancia Meccanica,..).

_______

The novel is set in an undefined future where the society is collapsing and the governments try to maintain their power by means of sporadic acts of force. People are escaping towns, in search of something better; the point of view of the novel is a woman, who lives in an apartment building in an undefined town.

The woman spends her time by looking for provisions, getting information and observing what’s happening around her, at least till a young girl is entrusted in her care. The girl is Emily, and she is carrying with her Hugo, her cat. The woman begins describing her relation with the girl, so well-mannered but distant, and Emily’s interactions with the changing external world, and with the new-born gangs of children.

We have under our eyes the implosion of society, and hints of the past that come to the narrator as dreams.

The memoirs of a survivor is a strange book, able to engage despite the pointless detailed descriptions; there are different reading levels, since most elements points to recurring themes in the writer imagery.

______

Memorie di una sopravvissuta by Doris Lessing ★★★☆☆½

4 thoughts on “Memorie di una sopravvissuta by Doris Lessing

  1. E pensare che Doris Lessing è stata tagliata fuori dal premio Nobel per anni perché negli anni ’70 si era dedicata alla fantascienza socio/filosofica…
    Secondo me insieme a Margaret Atwood e Ursula K. Le Guin è la maestra del genere!

    • E’ sicuramente un tipo di fantascienza “inconsueto” rispetto agli standard più noti, però effettivamente aiuta a riflettere su altri aspetti. Da quel che ho letto nella postfazione nel romanzo sono ripresi diversi concetti ricorrenti nei romanzi della scrittrice, ma quelli li ho persi non avendo letto altro della Lessing.

      • Non è un romanzo *wow*, i tempi narrativi sono volutamente dilatati, però ogni volta che lo riprendevo per proseguire era sicuramente avvicente. E rimane anche dopo che la lettura è finita (e non è banale). Mi segno il consiglio🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s