[ARC] Kitchens of the Great Midwest by J. Ryan Stradal

Standard

L’inizio di Kitchens of the Great Midwest mi aveva convinto: una storia di una famiglia in cui il gusto e l’abilità culinaria è rilevante, e la storia della piccola Eva, destinata a grandi cose nel mondo della cucina.

Poi però la storia ha preso altre pieghe, narrazione con i punti di vista di persone che gravitano in qualche modo intorno a Eva – che alla fine per modestia e perfezione mi è pure risultata antipatica – perdendo quello che avevo percepito come linea di sviluppo iniziale della storia.

Il vero problema però è che se sei Italiano intanto parti prevenuto sulla bontà della cucina Statunitense, figuriamoci il Midwest, se poi negli USA sei appena stata hai avvalorato le ipotesi di partenza, mentre sognavi la cucina di casa e guardavi con orrore i menù che ti proponevano la lasagna, noto piatto emotivo che come la mamma non lo fa nessuno al mondo.

Ecco, con questi presupposti a me il romanzo può anche raccontare del sublime gusto di Eva, delle sue skill in cucina, ma alla fine non ci credo: la vediamo crescere dei peperoncini piccanti, assaggiare un piatto di pesce e cucinare specialità derivate da altre cucine (Messicana per lo più) e mettere nel menù della cena più costosa nell’universo le barrette fatte in casa (suvvia, su, che dolce triste in confronto a quelli Italiani). Per non parlare poi di tutte le questioni su dove la verdura è stata coltivata e che tipo di pomodoro e se è o no un ibrido (tra l’altro di dove è originario il famoso San Marzano? comes from Italy).

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per stendere questa recensione.

_______

I like the way Kitchens of the Great Midwest begins: a story of a family in which food and taste are relevant, and the story of Eva and her incredible skills as a chef.

Then the story changes, and it’s about Eva but told by the point of view of some people who gravitate around her – and in the end I did not like Eva at all, for all her modesty and perfection – losing what I did perceive as the main narration path of the novel.

However the true issue about this book is the fact that if you are italian you are biased about the goodness of USA food, not to mention Midwest. If you are italian and you did stay in the USA for some time you go from bias to certainty, while looking with horror at menus where they listed lasagna – a clearly emotional dish that no-one is able to cook as good as your own italian mother is.

With these assumptions the novel may tell about Eva and her amazing skills, but in the end I do not believe any of it: we see her grow spicy pepper, taste a fish dish, cook dishes from other cultures (like the Mexican one) and put in the menu of the most costly dinner ever as dessertv homemade chocolate bars (come on, what a sad, sad dessert with respect to the ones we have in Italy). Not to talk about all the issues around where the food was growth and which kind of tomato and is it a hybrid (and yes, the San Marzano comes from Italy).

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.

_______

Kitchens of the Great Midwest by J. Ryan Stradal ★★☆☆

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s