[ARC] Riparare i viventi by Maylis de Kerangal

Standard

Read this post in english


Riparare i viventi di Maylis de Kerangal è uno dei libri candidati nella longlist del Man Booker International Prize 2016. E’ un lungo, emozionante, racconto sulla sorte di un cuore.

Simon Limbeau è andato a fare surf con gli amici, durante il ritorno a casa, forse per la stanchezza, forse per il ghiaccio sulla strada, il furgoncino su cui viaggiano esce di strada e Simon, senza cinture di sicurezza, subisce il colpo peggiore. Trasportato in ospedale nel reparto di terapia intensiva, Simon entra rapidamente in coma fino alla morte cerebrale. Inizia così la procedura per verificare la possibilità di espianto degli organi che coinvolge i genitori, sconvolti dalla notizia, i medici di vari ospedali e i consulenti dedicati ad gestire la procedura ammministrativa.

Lo stile narrativo è incalzante, una somma di emozioni che travolge il lettore e una serie di punti di vista che si alternano: dal medico che riceve Simon fino ai chirurghi dedicati all’espianto del cuore. Ogni fase della procedura ci introduce nuovi personaggi, e l’autrice rende familiare ognuno di loro, raccondandoci sogni, speranze ed emozioni legate al caso di Simon Limbeau.

E’ un romanzo che ci tiene con il fiato sospeso, le procedure sono delicate, i controlli di compatibilità numerosi, l’espianto e il trapianto operazioni delicate che coinvolgono numerosi specialisti; la storia è ben costruita e approfondita non solo dal lato emotivo ma anche da quello scientifico, si nota il dettaglio con cui è spiegato il processo di ricerca tra donatori e riceventi, le procedure di sicurezza per garantire la privacy delle famiglie coinvolte, la delicatezza di queste operazioni nel loro complesso.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* Riparare i viventi by Maylis de Kerangal ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s