[ARC] The Summer Children (The Collector #3) by Dot Hutchison

Standard

Third installment of the Collector Series, The Summer Children is focused on FBI Agent Mercedes Ramirez who finds herself involved in a case of abused children’s parents murdered.

Night after night children with teddy bears appear at her door, and soon the FBI finds that their parents were murdered by a masked person who defines him/herself as an angel, freeing the children from their abused parents. This main plot relates also with Agent Ramirez past.

The story is quite engaging at first, then it becomes somewhat repetitive while the police is looking for the serial killer. In my opinion the best book of the series is the first one.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


The Summer Children by Dot Hutchison ★★★☆☆

 

Advertisements

La somiglianza (Dublin Murder Squad #2) by Tana French

Standard

Read this post in english


Sono passati sei mesi dalla conclusione dell’operazione Vestale, Rob ha lasciato la squadra omicidi e la polizia di Dublino, mentre Cassie Maddox ha scelto di spostarsi nella squadra che si occupa di violenza domestica.

Un giorno viene però ritrovato il corpo di una donna in un casolare diroccato, la donna, uccisa a pugnalate, risponde al nome di Alexandra Madison, ovvero l’alias che Cassie usava quando lavorava sotto copertura anni prima. Viene coinvolto per questo motivo anche Frank Mackey, direttore del reparto infiltrati, che nota una incredibile somiglianza tra la sconosciuta uccisa e Cassie, e le propone di lavorare nuovamente come infiltrata per aiutare la polizia a scoprire chi possa aver ucciso la donna.

Della donna la polizia sa solo che aveva assunto l’identità di Alexandra, che frequentava un dottorato in letteratura e che viveva con altri quattro studenti a Whitethorn House, una antica residenza nella campagna irlandese.

Il punto di vista che seguiamo in questo secondo romanzo della serie Dublin Murder Squad è quello di Cassie, che accetta di infiltrarsi nel gruppo di studenti come se Alexandra Madison non fosse stata uccisa ma solo ferita dalle pugnalate.

La premessa del romanzo è piuttosto improbabile (una ragazza molto somigliante a Cassie che prende l’identità fittizia creata anni prima dalla poliziotta), nonostante questo il romanzo è molto coinvolgente, soprattutto dal momento in cui Cassie inizia a spacciarsi per Alexandra e a interagire con i coinquilini. Per chi ha letto il primo romanzo della serie (Nel Bosco) è sicuramente evidente la ragione dello smarrimento di Cassie e la motivazione alla base di alcune scelte azzardate nel lavoro sotto copertura.

Tana French costruisce un altro ottimo giallo thriller in cui la psicologia dei personaggi (tutti molto ben caratterizzati) gioca un ruolo fondamentale nello svolgimento della storia.


* La somiglianza by Tana French ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

The Likeness (Dublin Murder Squad #2) by Tana French

Standard

Leggi questo articolo in italiano


Six months have passed since the conclusion of Operation Vestal; Rob left the murder squad and the Dublin police, while Cassie Maddox opted for joining the domestic violence squad.

One day, in a ruined cottage in the Irish fields, the body of a young woman is found. The woman, killed by knife stabbing, responds to the name Alexandra Madison, the fake alias that Cassie used in an undercover operation years before. For this reason Frank Mackey, director of the undercover squad, is involved in the inquiry; he notice the amazing likeness between the unknown dead woman and Cassie, and proposes to the police woman to work again as undercover to help the murder squad in discovering who killed the woman.

The police, about the dead person, knows only that she assumed the identity of Alexandra, that she was attending a PhD course in literature and that she used to live with other four students in Whitethorn House, and ancient house in the Irish countryside.

The point of view we follow in this second novel of the Dublin Murder Squad series is Cassie’s, who accepts to join the four students in Whitethorn House, like Alexandra Madison never have been killed but only wounded.

The premise of the novel could be defined unlikely (a woman like Cassie who happens to adopt the identity Cassie made up in undercover activity years before), but despite this the novel is very engaging, in particular after Cassie begins the undercover activity again. For the ones who read the first volume of the series (In the Woods), the reasons of Cassie’s dismay are evident, and also the motivation behind some unconventional choices in the undercover activity.

Again, Tana French builds up another thriller where the character’s psychology (every one of them very well described by Cassie’s PoV) plays a key role in the story.


The Likeness by Tana French ★★★★☆

*I read this book in English

Le perfezioni provvisorie (Guido Guerrieri #4) by Gianrico Carofiglio

Standard

Le perfezioni provvisorie è il quarto romanzo con protagonista l’avvocato Guido Guerrieri.

Dai precedenti romanzi siamo stati abituati a casi in fase di discussione in tribunale, questa volta però la trama ha una svolta diversa: un avvocato amico di Guido gli chiede se può cercare nuovi elementi per evitare la chiusura di un caso di persona scomparsa, la giovane Manuela, scomparsa tra Ostuni e Bari.

Guido, seppur riluttante, accetta l’incarico, anche per allontanare la mente dai soliti clienti e dai soliti casi, e procede quindi a interrogare in modo informare gli amici di Manuela, tra cui Caterina che da subito si mostra piuttosto sfrontata e ammiccante.

Romanzo dopo romanzo questa serie mi coinvolge sempre meno, un po’ anche a causa del protagonista, sempre più disiulluso e intristito dalla realtà che lo circonda. In questo romanzo in particolare, Guido sembra vivere di ricordi che emergono ogni poche pagine, un uomo ormai sempre più nostalgico del passato. Per quanto riguarda il giallo, mi spiace che ci siamo allontanati dalle tematiche legali e dalle ambientazioni in tribunale, in fondo per finire in una ambientazione non particolarmente originale.

 


Ad occhi chiusi by Gianrico Carofiglio ★★☆☆☆ 1/2

[ARC] Artemis by Andy Weir

Standard

Leggi questo articolo in italiano


Andy Weir is the author of The Martian, a book that I liked a lot, where the author displayed his ability in the hard sci-fi genre, that is the science fiction deeply based on scientific and technical details.

Having the chance to ask as advanced reading his new novel I was very happy, but in the end I did not find it so engaging and fast paced as the The Martian.

The story is set on Artemis, the only city on the Moon; the main character, Jazz Bashara, alternates legal jobs (the porter) to less legal ones (smuggling forbidden goods from Earth); despite this she is not able to gain enough money to have a normal – non poor – life. One day a contact of hers proposes a criminal activity extremely dangerous but also extremely well paid, and Jazz accepts. Unfortunately, Jazz will be involved in a conspiracy about the future of the colony.

The novel is quite engaging – it contains a thread of thriller / action – but some elements did not convince me: Jazz is extremely skilled in everything (she is smart, brave and technically capable) but she is totally unable to use them in a useful way. The criminal plot is extremely naive in its development, and the conclusion is the top of naiveté (no further details to avoid spoilers). Concerning style and narration, overall I found excessive the infodump that continuously stop the narration, and stylistically weak the letters exchanged with the friend on Earth, and I did not like the jokes between the characters and toward the reader (sex jokes mostly).

I did expect more from this novel; it is nice but very much inferior to The Martian.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* Artemis by Andy Weir ★★★☆☆

*I read this book in english

[ARC] Artemis by Andy Weir

Standard

Read this post in english


Andy Weir è l’autore di L’uomo di Marte, romanzo che mi aveva decisamente appassionato e in cui l’autore dava prova di sapersi muovere nel campo della hard sci fi, ovvero quella fantascienza fondata su dettagli tecnici e scientifici.

Avando la possibilità di richiedere il suo secondo romanzo non ho resistito, peccato però che non riesca a essere coinvolgente e scorrevole come il precendete.

La storia è ambientata su Artemis, unica città sulla Luna; la protagonista, Jazz Bashara, alterna lavori legali (il fattorino) a meno legali (il contrabbando di beni proibiti dalla Terra); nonostante questo non riesce ad arricchirsi a sufficienza per condurre una vita normale. Un suo contatto le propone però un’attività criminale molto rischiosa ma molto ben remunerata, e Jazz non ci pensa due volte prima di mettersi all’opera, peccato che si troverà coinvolta in una cospirazione per il controllo della colonia.

Il romanzo è abbastanza avvincente – non manca una componente di thriller / azione – ma personalmente diversi elementi non mi hano convinto: Jazz ha mille qualità – intelligenza, manualità, coraggio – ma è incapace di farle fruttare, la trasparenza quasi ingenua nel proporle il progetto criminale, la conclusione che evito di spoilerare. Per quanto riguarda la narrazione nel suo complesso questa volta ho trovato eccessivi i tecnicalismi, che vanno a frammentare la narrazione, stilisticamente poco credibili le lettere scambiate con l’amico terreste e spesso forzate le battute con gli altri personaggi e verso il lettore.

Purtroppo mi aspettavo molto di più da questo romanzo che risulta gradevole ma sicuramente inferiore a L’uomo di Marte.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* Artemis by Andy Weir ★★★☆☆

*Ho letto questo libro in inglese

Ad occhi chiusi (Guido Guerrieri #2) by Gianrico Carofiglio

Standard

Secondo romanzo con protagonista l’avvocato Guido Guerrieri, Ad Occhi Chiusi ci presenta una brutta storia di molestie e stalking.

All’avvocato Guerrieri viene chiesto di difendere come parte civile Martina, oggetto di stalking dell’ex fidanzato, uomo violento ma rampollo di padre famoso magistrato. Durante il periodo del processo Guerrieri conosce meglio Suor Claudia, responsabile del centro di aiuto a cui si è rivolta Martina, che avrà un ruolo rilevante nel romanzo.

Nel corso della storia veniamo messi a confronto con episodi di violenza e abuso da una parte, e dall’altra con l’ipocrisia di giudici e avvocati che cercano di evitare il processo di Martina viste le relazioni altolocate dell’accusato.

Come nel romanzo precedente, Testimone Inconsapevole, l’autore ci introduce nelle aule giudiziarie Italiane descrivendo con chiarezza i passaggi più tecnici con uno stile asciutto e lineare. Guido Guerrieri è un protagonista dotato di grande umanità; nel precedente romanzo l’abbiamo visto superare la separazione dalla moglie, qui lo vediamo superare limiti che si era posto fin da bambino, vedremo cosa gli succederà nel prossimo romanzo.


Ad occhi chiusi by Gianrico Carofiglio ★★★★☆