[ARC] Murder, Magic, and What We Wore by Kelly Jones

Standard

Read this post in english


Londra, 1818. In breve tempo a Annis viene comunicato che il padre è morto e che tutti i soldi sono spariti. L’unica possibilità per la ragazza e la zia con cui vive è di abbandonare la costosa Londra a favore di un appartamento in campagna e di trovare un lavoro.

Annis però scopre di avere la magica capacità di cucire glamours, ovvero di rendere gli abiti capaci di mascherare totalmente chi li indossa, anche dando un’apparenza diversa.

La ragazza vorrebbe mettere il suo talento a disposizione delle spie inglesi, anche perché è convinta che suo padre fosse anche lui una spia; inizialmente non considerata, si inventa una seconda vita come Madame Martine, modista.

Il romanzo ha delle potenzialità che però a mio avviso sono poco sfruttate come l’idea di unire magia e spionaggio, peccato che Annis per la maggior parte del tempo non riesca a mettere in pratica il suo talento. La protagonista ha grande determinazione, ma dal romanzo emerge solo il suo carattere ingenuo, mentre altri personaggi appaiono decisamente più avvezzi all’azione e allo spionaggio. Alla lunga questa lettura mi ha annoiato, peccato perchè mi aspettavo qualcosa di più.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* Murder, Magic, and What We Wore by Kelly Jones ★★☆☆☆½

*Ho letto questo libro in inglese

Advertisements

[ARC] Murder, Magic, and What We Wore by Kelly Jones

Standard

Leggi questo articolo in italiano


London, 1818. In a short time Annis has notice of her father’s death and that all the money are gone. The only chance for the girl and her aunt is to leave their London house, to move to the country and to look for work.

Annis discovers to have a magic skill: she can sew glamours, so the dress she creates are able to totally disguise the people wearing them.

She wants to use her talent to help the english spies, also because she is convinced her father was a spy himself. Since at the beginning nobody gives her credit, she impersonates Madame Martine, dressmaker.

The novel has a good potential, but they could have been better exploited, like the idea to mix magic and spionage. Unfortunately, Annis spends most of the time in getting hold of her talent. She has great determination, but the main feature that emerges from the novel it’s her naivete, while minor characters take all the action. In the end I found it boring, because I expected something more.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* Murder, Magic, and What We Wore by Kelly Jones ★★☆☆☆½

*I read this book in english

[ARC] Object lessons: Veil & Personal Stereo

Standard

Leggi questo articolo in Italiano


When I have the chance to read an Object Lesson book I’m quite unable to stop myself. Micro non fiction books focused on a specific object, this time focused on recent events and on the nostalgic past.

Veil by Rafia Zakaria

The author chooses to center the book on an object – and a theme – relevant nowadays: the veil and everything it implies in two opposed cultures.

The book opens on the life of Rafia Zakaria and her memories about a couple of moment when the veil was central and had a particular cultural significance. Veil that for a culture is protection, while in the other, the occidental one, it does the opposite, and makes evident who is wearing it.

During the time the veil acquired different meanings – also negative – that in origin it did not have. To point this out, the author presents some legal procedures where the presence of veils (wear by testimony or accused) was greatly discussed.

An interesting reading that provides a broader perspective on an object now so bivalent.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.

Personal Stereo by Rebecca Tuhus-Dubrow

Personal Stereo traces back a significant moment in the music revolution, that is the step from shared music to a personal listening experience, thanks to the invention of the Walkman by Sony.

The book tells on one side the story of the invention – from the establishment of Sony in the Japanese after war, and on the other side the social implications of the personal stereo itself.

It was a very interesting reading, the part I preferred was the one about Sony business and the launch of the Walkman on the market.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* Veil by Rafia Zakaria ★★★☆☆
* Personal Stereo by Rebecca Tuhus-Dubrow ★★★★☆

*I read this book in english

[ARC] Object lessons: Veil e Personal Stereo

Standard

Read this post in English


Quando vedo un libro della Object Lesson ormai non riesco a resistere. Micro saggi dedicati ognuno a un oggetto specifico, in questo caso focalizzati sull’attualità e sul nostalgico passato.

Veil by Rafia Zakaria

L’autrice sceglie di focalizzare il testo su un oggetto – e un tema – quanto mai attuali: il velo e quello che implica in due culture opposte.

Il libro si apre sulla storia di Rafia Zakaria e sul suo rapporto con il velo con il ricordo di un paio di momenti in cui il velo ha avuto un ruolo rilevante con le sue implicazioni culturali. Velo che per una cultura rappresenta una protezione, mentre nell’altra, quella occidentale, fa l’opposto, ovvero mette in evidenza chi lo indossa.

Nel corso degli anni il velo si è caricato di significati – anche negativi – che in origine non possedeva, e l’autrice sceglie di mostrarci anche questi aspetti anche attraverso estratti di procedimenti legali durante i quali la presenza del velo (indossato da imputate o testimoni) è stato messo in discussione.

Lettura interessante che fornisce una prospettiva più ampia su un oggetto oggi così ambivalente.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per stendere questa recensione.

Personal Stereo by Rebecca Tuhus-Dubrow

Personal Stereo ripercorre un momento della rivoluzione musicale, ovvero il passaggio dalla musica collettiva a un ascolto personale, grazie all’invenzione del Walkman da parte della Sony.

Il libro ripercorre quindi da una parte la storia dell’invenzione – a partire dalla nascita della Sony nel primo dopoguerra in Giappone, e dall’altra le implicazioni sociali dell’invenzione stessa.

Lettura decisamente interessante, la parte che ho preferito è quella relativa alla Sony e ai suoi promotori, e al lancio sul mercato del Walkman.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per stendere questa recensione.


* Veil by Rafia Zakaria ★★★☆☆
* Personal Stereo by Rebecca Tuhus-Dubrow ★★★★☆

*Ho letto questo libro in Inglese

[ARC] The Sport of Kings by C.E. Morgan

Standard

Leggi questo articolo in italiano


The Forge family is one of the oldest of Kentucky; the novel opens on the child Henry Forge, and on his conflict with his father, strict and bound to traditions: the Forge terrains will forever be used for agriculture.

Henry’s childhood is also marked by the discovery of her mother betrayal with an afro american man working for their family, and by the consequences of telling what he knows to his father.

Henry has the dream to breed horses, perfect beings that he sees as the apex of an evolutionary ladder; this way a new phase of his life begins; Henry is father of Henrietta and an entrepreneur obsessed by perfection.

On the other side of the borders, in Ohio, Allmon Shaughnessy grows up. Afro-american, his family is poor and since his childhood Allmon deals with criminal activities, since he is incarcerated. In jail he has a second chance to get his life better: to learn to deal with horses and then to work for the important farms that breed them in Kentucky.

While the destiny of Henry, Henrietta and Allmon get closer, the sons keep in perpetuating the errors of their fathers, in a circle that will be broken only by dramatic events.

Henry hates his father and his traditional ideas, but in the end he does the same: Henrietta’s education and her not going to college, his ill-concealed racist ideas, and the strict conviction of being possible to obtain the perfect horse, an idea linked to old evolutionary theories already proved wrong.

Allmon, willing to redeem himself from poverty and from his past as prisoner, will end up committing the same errors of his father who left him.

In the middle of these family sagas, that takes origin from the time when Kentucky’s terrains were conquered and when slaves tried to be free by crossing the river to the north, there is Hellsmouth: the perfect filly bred by Henry, named by Henrietta and tended by Allmon, maybe the horse itself a symbol of a modern slavery?

The novel is quite engaging in unraveling the story of the Forge family, and the interludes – not linked to the main plot – provide information about the past, useful in understanding the origin of the main characters. The second part of the novel, mainly focused on Hellsmouth training in view of the Derby, is slower and less engaging to the non enthusiastic about racing horses.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* The Sport of Kings by C.E. Morgan ★★★☆☆½

*I read this book in english

[ARC] The Sport of Kings by C.E. Morgan

Standard

Read this post in english


La famiglia Forge è una delle più antiche del Kentucky; il romanzo si apre su Henry Forge, bambino, e sul conflitto che ha con il padre, severo e legato alle tradizioni: i terreni della famiglia Forge saranno sempre dedicati all’agricoltura.

L’infanzia di Henry è anche segnata dalla scoperta del tradimento della madre con un uomo di colore che lavora per loro, e dalle conseguenze dell’averlo raccontato al padre.

Henry matura però il sogno di allevare cavalli da corsa, esseri perfetti che vede come apice dell’evoluzione della specie; inizia così una nuova fase della sua vita che lo vede padre di Henrietta e imprenditore smanioso di creare il cavallo perfetto.

Dall’altro lato del confine, in Ohio, cresce invece Allmon Shaughnessy, afro-americano; la sua famiglia ha scarse risorse e fin da piccolo Allmon si dedica ad attività illecite, fin quando viene arrestato. In prigione si apre però una seconda possibilità: imparare a gestire i cavalli per cercare lavoro presso le grandi fattorie che li allevano.

Mentre le sorti dei tre convergono e si incrociano, i figli continuano a perpetuare pensieri ed errori dei propri genitori, in un circolo che verrà spezzato solo da eventi drammatici.

Henry disprezza il padre e le sue visioni tradizionaliste, ma alla fine ricalca le sue azioni: l’educazione di Henrietta, a cui viene di fatto impedito di andare al college, il razzismo malcelato, e la rigida convinzione di poter ottenere il cavallo perfetto, idea legata a teorie evoluzionistiche ormai smentite.

Allmon, desideroso di riscattarsi dalla povertà e dal suo passato di carcerato, si ritroverà a commettere gli stessi errori del padre che lo aveva a suo tempo abbandonato.

Al centro di queste saghe famigliari, che risalgono ai tempi della conquista dei terreni del Kentucky e alla fuga degli schiavi verso i territori a nord del fiume, Hellsmouth: la puledra perfetta selezionata da Henry, nominata da Henrietta e gestita da Allmon, forse anche lei un simbolo di una schiavitù moderna?

Il romanzo è molto avvincente nello sviluppare la storia della famiglia Forge, e gli intermezzi – non legati alla trama principale – forniscono informazioni sulla storia passata, utili a comprendere le origini dei personaggi che vediamo in azione. La seconda parte del romanzo, principalmente dedicata all’allevamento di Hellsmouth in vista del Derby, è più lenta e meno coinvolgente, a meno di non essere grandi appassionati di cavalli da corsa.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* The Sport of Kings by C.E. Morgan ★★★☆☆½

*Ho letto questo libro in inglese

Ho lasciato entrare la tempesta by Hannah Kent

Standard

Read this post in english


23202647 Ho lasciato entrare la tempesta, romanzo d’esordio di Hannah Kent, prende spunto dalla storia vera di Agnes Magnúsdóttir, accusata di omicidio e ultima ad essere giustiziata in Islanda.

L’autrice prende spunto dalla realtà per descrivere il ruolo della donna nella società islandese di inizio 1800. Agnes è nata illegittima e povera, e le è riservato il ruolo di serva nelle fattorie per cui lavora. L’ultimo suo impiego è per Natan Ketilsson, erborista, guaritore, amante di donne anche sposate e in combutta con il demonio, secondo alcuni.

Ed è proprio per l’omicidio di Natan e di un altro uomo che Agnes viene accusata assieme all’altra serva di Natan, Sigga, e Fridrik Sigurdsson, ragazzo di una fattoria vicina.

Nei mesi antecedenti all’esecuzione Agens viene assegnata a una famiglia della sua valle di origine. La famiglia la accoglie all’inizio con ostilità, ma con il passare del tempo Agnes viene accolta nel nucleo famigliare, e inizia a confidarsi con loro e con un giovane prete che la seguirà fino al momento della morte.

Vediamo così comporsi il ritratto di questa giovane donna, conscia dell’incombenza della morte, e della società dell’epoca intorno a lei, pronta a giudicare, accusare ma anche a capire e consolare.


* Ho lasciato entrare la tempesta by Hannah Kent ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese