It Ends With Us by Colleen Hoover

Standard

Leggi questo articolo in italiano


While the sun sets over Boston, Lily and Ryle met on the roof of a building; she buried her father that day, and her only relevant memories about him are the violent episodes against her mother.

Some months later they meet again, and they are brought together by the mutual attraction they feel. Ryle does not particularly like stable relationships, but he chooses to try one with Lily.

Up to this moment It ends with us is a standard romantic novel: he, her, the attraction and then the love. But this is the exact moment the story changes becoming tragically realistic and dealing with serious issues.

The author in the post face tells she was inspired by relationships between people close to her to tell this story. The novel is much more than a romantic story, and it deals also with mother-daughter relation and friendship: it was unexpectedly nice and engaging.


It Ends With Us by Colleen Hoover ★★★★☆

*I read this book in english

La nostra fine by Colleen Hoover

Standard

Read this post in english


Mentre il sole tramonta su Boston Lily e Ryle si incontrano sul tetto di un edificio: lei è tornata dal funerale del padre, e dell’uomo ricorda solo la violenza che infliggeva alla madre.

Qualche mese dopo i due si incontrano di nuovo per caso, e l’attrazione che si era manifestata durante il loro primo incontro li avvicina nuovamente. Ryle sembra restio alle relazioni fisse, ma per Lily decide di fare una eccezione.

Fin qui La nostra fine ha tutte le caratteristiche di un romanzo romantico standard: lui, lei, l’attrazione, l’amore. Invece a un certo punto tutto cambia, e la storia diventa tragicamente realistica, affrontando temi molto seri e purtroppo sempre attuali.

L’autrice nella postfazione afferma di essersi ispirata a relazioni vicine a lei per raccontare questa storia; il romanzo, grazie alla piega imprevista del racconto, è molto di più di una storia romantica, affrontando anche temi di amicizia e di relazione madre figlia.Non me lo aspettavo, ma è una lettura che mi è molto piaciuta.

Il titolo italiano perde del senso che aveva nel testo originale, peccato visto che è proprio legato al tema portante della vicenda.


* La nostra fine by Colleen Hoover ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

Every Heart a Doorway by Seanan McGuire

Standard

Read this post in english


Può capitare che un bambino (o più probabilmente una bambina) si trovi improvvisamente di fronte a un passaggio inaspettato, una porta verso una realtà diversa e magica.

Alcuni non tornano più, altri per varie ragioni tornano nella realtà che conosciamo, e alcuni di loro sono afflitti dalla nostalgia per quello che hanno lasciato indietro: un mondo in cui possono essere finalmente se stessi. Questi ultimi cercano disperatamente un modo per tornare indietro.

Nancy, capelli bianchi con cinque ciocche nere, ha passato alcuni anni nel regno del signore della morte, dove ha imparato a essere immobile come una statua, ma le è stato chiesto di tornare indietro per testare la sua volontà.

“Their love wanted to fix her, and refused to see that she wasn’t broken”

Incapace di riadattarsi alla sua vecchia vita, i genitori decidono di mandarla alla scuola di Eleanor West, in cui la proprietaria accoglie tutti i bambini ritornati e nostalgici di quello che hanno lasciato.

Nancy inizia a fare amicizia con altri ragazzi, ma a ridosso del suo arrivo iniziano ad accadere tragici eventi che mineranno l’equilibrio della scuola.

Every heart a doorway è una novella molto coinvolgente e ricca di elementi immaginifici, la parte più intrigante, forse più della componente horror / giallo, è proprio la descrizione dei diversi mondi in cui sono finiti i ragazzi e la creazione di un sistema per classificarli (quelli estremamente logici e quelli senza senso, quelli buoni e quelli cattivi,…). I personaggi sono tutti ben caratterizzati, sia come viaggiatori di mondi incantati, sia come normali adolescenti.

E’ stata una lettura capace di portarmi via dal mondo che conosciamo per qualche piacevolissima ora (e grande gioia: usciranno anche un paio di romanzi correlati).


* Every Heart a Doorway by Seanan McGuire ★★★★☆½

*Ho letto questo libro in inglese

The Creeping Shadow (Lockwood & Co. #4) by Jonathan Stroud

Standard

Leggi questo articolo in italiano


The Creeping Shadow is the fourth installment in the Lockwood & Co. series.

In the previous book (The Hollow Boy), we left Lucy deciding to leave Lockwood’s agency to protect her friends, so in this novel we follow Lucy as a freelance operator, at least until Penelope Fittes asks for her to help Lockwood & Co in a particular case.

In the meanwhile Lucy discovers that some ghost sources are sold in an auction instead of being destroyed, and she soon finds her life at risk, ending up asking Lockwood for help.

The whole group begins investigating the creeping shadow, a mysterious gigantic ghost appearing in a town far from London, but very near to a branch of the Rotwell’s agency.

The novel is as always nice and engaging, however it’s a bit disappointing with respect to the preceding one that was much more emotional. The big twist here it’s at the very end, and only in further novels we will see how this news turns out for the Lockwood & co. team.


The Creeping Shadow by Jonathan Stroud ★★★☆☆½

*I read this book in english

The Creeping Shadow (Lockwood & Co. #4) by Jonathan Stroud

Standard

Read this post in english


The Creeping Shadow è il quarto volume della serie Lockwood & Co.

Nel romanzo precedente (The Hollow Boy), avevamo lasciato Lucy con la decisione di abbandonare l’agenzia di Lockwood per proteggerlo, e in questo romanzo troviamo in effetti Lucy al lavoro come freelancer, almeno finchè Penelope Fittes chiede che collabori con Lockwood & Co in un caso particolare.

Nel frattempo Lucy scopre che alcune sorgenti di fantasmi vengono trafugate e riventute all’asta invece di essere distrutte, e ben presto si trova lei stessa in pericolo, finendo quindi per chiedere aiuto ai vecchi amici.

Il gruppo inizia a investigare il caso dell’ombra inquietante, un fantasma gigante che appare in un paese lontano da Londra, ma molto vicino a una sede dei laboratori dell’agenzia Rotwell.

Il romanzo risulta come sempre scorrevole, purtroppo è un po’ deludente rispetto al precedente in cui il lato emotivo dei personaggi emergeva maggiormente. Il colpo di scena qui l’avremo verso la fine, e solo continuando a seguire la serie vedremo come la scoperta inciderà nel lavoro dell’agenzia Lockwood & co. team.


The Creeping Shadow by Jonathan Stroud ★★★☆☆½

*Ho letto questo libro in inglese

[ARC] Le ragazze by Emma Cline

Standard

Read this post in english


Le ragazze segna l’ersordio di Emma Cline, ed è un romanzo convincente e ben riuscito. La storia gravita intorno a Evie Boyd, adolescente nell’estate del 1969 in California.

Il romanzo è ambientato in due momenti diversi: tutto inizia con Evie adulta che ricorda l’estate della sua adolescenza in cui ha incontrato Suzanne e il gruppo di Russell.

Evie è un’adolescente afflitta dal grande dilemma dell’adolescenza: non si sente parte di nessun gruppo, ha una sola amica, Connie, e vorrebbe essere notata dai suoi coetanei; il divorzio dei genitori e la madre concentrata su nuovi spasimanti – e una nuova vita, più new-age – contribuiscono ad aumentare il senso di solitudine di Evie.

Un giorno Evie incontra Suzanne, ragazza dal fascino magnetico e che per Evie appartiene al gruppo di quelle ragazze superiori, gruppo a cui non riesce mai ad appartenere. Questa volta però Evie viene notata, e Suzanne la introduce alla vita del ranch, una sorta di comune capitanata da Russell, predicatore di un nuovo ordine sociale, e aspirante musicista.

Evie si sente attratta da questo nuovo modo di vivere, anche perché sente di appartenere al gruppo come mai le è capitato. Il romanzo è diviso in tre parti, e all’inizio di ognuna abbiamo a che fare con la Evie adulta, ormai tormentata e segnata dai ricordi del passato: l’evidenza dei risvolti criminali del gruppo di Russell, il coinvolgimento di Suzanne e il pensiero di poter essere trascinata dal gruppo se si fosse trovata con loro durante gli omicidi sono un peso insostenibile.

La trama si rifà agli avvenimenti legati alla famiglia di Charles Manson, avvenuti proprio in quegli anni e in quei luoghi, ma l’elemento su cui ruota il romanzo non è la follia del gruppo, ma il sentirsi o meno appartenenti ad esso. Il titolo stesso riassume la visione di Evie, adolescente e adulta: le ragazze si distinguono dallo sfondo, e Evie, mai totalmente integrata in nessun gruppo, le guarda da lontano e vorrebbe essere con loro.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* Le ragazze by Emma Cline ★★★★☆½

*Ho letto questo libro in inglese

[ARC] The Girls by Emma Cline

Standard

Leggi questo articolo in italiano


The Girls is the debut novel by Emma Cline, and it is a convincing and well-built one. The story is about Evie Boyd, a girl in the summer of 1969 in California.

The novel is set in two different epochs: everything begins with an adult Evie remembering the summer when she met Suzanne and Russell’s group.

Evie is a young adult suffering the great drama of adolescence: she does not feel herself belonging to any group, she has a single friend, Connie, and she would like to be noticed; her parent’s divorce and her mother’s focus on new lovers – and a new-age life – enhance Evie’s feeling of being alone.

One day Evie meets Suzanne, a girl with a magnetic charm, a girl Evie thinks belong to a superior order, a group she does not belong to. However this time Evie is noticed, and Suzanne introduces her to the ranch life, a community leaded by Russell, preacher of a new social order and wannabe musician.

Evie is attracted by this new way of living, and she feels she belongs to the group, something never happened in her life. The novel is divided in three parts, and at every beginning we face the adult Evie, now tormented and scarred by her memories of the past: the evidence of the criminal acts of Russell’s community, Suzanne involvement and the idea Evie herself – if she had been present – coud have been convinced in acting during the murders are heavy weights to live with.

The plot takes form from the events related to the Manson’s family, that took place in the same times and places, but the focus of the novel is not the group madness, but the feeling to belong to a community or not. The title summarize Evie’s vision, both young and adult: the girls are beings that stand out from the background, and Evie, never fully integrated in any group, looks at them from afar and longs to be with them.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* The Girls by Emma Cline ★★★★☆½

*I read this book in english