Storie della tua vita by Ted Chiang

Standard

Read this post in english


Storie della tua vita è una antologia di racconti di Ted Chiang, recentemente tornata in libreria grazie al film Arrival, tratto dalla storia che dà il titolo al volume.

Storie della tua vita è bellissimo e coinvolgente, e combinare la lettura con la visione del film contribuisce a comprendere il tema di fondo (la percezione del tempo, causa – effetto, l’interazione con una cultura aliena); è uno dei rari casi in cui testo e video si arricchiscono a vicenda.

I racconti hanno tutti un risvolto filosofico / teologico più o meno elaborato: l’ambizione a raggiungere il divino in Torre di Babilonia, l’influsso angelico sugli uomini in L’inferno è l’assenza di Dio, l’incontro tra scienza e religione in Divisione per Zero.

Altri racconti esplorano etica e morale: Settantadue Lettere ipotizza una storia alternativa in cui l’uomo è capace di dare la vita ai Golem (paragonabili alle intelligenze artificiali), Il piacere di ciò che vedi: un documentario approfondisce il tema della percezione della bellezza rispetto anche agli attuali canoni proposti dai media e Capire mostra due aspetti opposti della gestione della massima conoscenza.

E’ una raccolta di altissima qualità in cui l’aspetto preponderante è quello speculativo della fantascienza; sono racconti che aiutano a riflettere, ma poco adatti agli amanti dell’azione.


* Storie della tua vita by Ted Chiang ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

[ARC] The Lonely Hearts Hotel by Heather O’Neill

Standard

Read this post in english


E’ un errore scegliere questo romanzo per la magia decantanta dalla quarta di copertina.

Iniziamo col dire che The Lonely Hearts Hotel non è un romanzo per tutti: ci sono numerose scene di povertà, violenza e abusi molto grafiche; il romanzo si apre con una violenza su una ragazzina innocente e ci porta tra l’orfanotrofio e i bassifondi dove i due protagonisti si trovano a vivere.

Pierrot e Rose si incontrano da bambini in orfanotrofio, le loro strade poi viaggiano separate per molti anni fino alla riunione tanto attesa e alla realizzazione del loro spettacolo, The Snowflake Icicle Extravaganza. Forse però il parlare di due protagonisti è un po’ una bugia; i due si contrappongono per carattere e atteggiamenti, ma il fuoco della storia ruota intorno a Rose, l’unica dei due che cerca una realizzazione personale.

The Lonely Hearts Hotel per me è soprattutto un romanzo sulla condizione femminile nel primo ‘900 a Montreal: donne trascurate e sempre sfruttate, che siano povere prostitute o ricche mogli o amanti. E Rose ne è consapevole fin da bambina – l’invezione dell’orso immaginario – ma sceglie di non accettare questa condizione, per questo Pierrot è perfetto per lei, perchè è l’unico che la ama così tanto da consentirle di essere libera.

The lonely hearts hotel è il punto di arrivo della storia, che si articola in soggiorni in numerosi hotel i cui nomi riflettono lo stato dei personaggi e le loro emozioni.

E’ un romanzo dai temi forti sviluppati con un linguaggio lirico e a volte immagini non convenzionali (Rose e Pierrot in fondo sono due clown), però se lo si legge cercando la magia di altri romanzi (come The Night Circus) si rischia di rimanere delusi e di non apprezzarlo per come merita.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* The Lonely Hearts Hotel by Heather O’Neill ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

[ARC] The Lonely Hearts Hotel by Heather O’Neill

Standard

Leggi questo articolo in italiano


It’s an error to choose this novel for the magic described in the cover summary.

Let’s start by saying that The Lonely Hearts Hotel is not a novel for everyone: there are numerous graphic scenes of poverty, violences and abuses. The story opens with a little girl who is raped and it brings us among orphans and in the downtown where the two main characters end up living.

Pierrot and Rose meet in orphanage, then their life diverge for some years till the great reunion and the realization of their show, The Snowflake Icicle Extravaganza. Again, maybe speaking about two protagonist is kind of lie: Rose and Pierrot are very different for the way they behave, and the story is more focused on Rose, the only of them who always is working for a personal realization.

The Lonely Hearts Hotel in my opinion is mostly a book about the women condition at the beginning of 1900 in Montreal: the women were neglected and always exploited, either they were poor prostitutes or rich wives and lovers. And Rose is aware of this since her childhood – the idea of the imaginary bear – but she chooses not to accept it and to work towards something different. In this sense Pierrot is the perfect man for her, because he loves her so much to allow her to be free.

The lonely hearts hotel is the ending point of the story, that develops in various hotel which names reflects the life of the characters and their emotions.

It’s a novel about strong themes that are dealt in a lyric and with sometimes unconventional images (Rose and Pierrot are always clowns), but reading it in search of the magic of other novels (like The Night Circus) is doubly wrong because of disillusioned expectation and the inability to see this novel strong points.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* The Lonely Hearts Hotel by Heather O’Neill ★★★★☆

*I read this book in english

Thunderbird (Miriam Black #4) by Chuck Wendig

Standard

Read this post in english


Thunderbird è il tanto atteso quarto volume che chiude la serie con protagonista Miriam Black (qui i riferimenti ai libri precedenti), colei che toccandoti sa come e quando morirai.

Miriam è alla ricerca di un metodo per sbarazzarsi del suo potere con cui non si è mai trovata a suo agio, e sembra aver trovato i riferimenti di una donna che potrà aiutarla: Mary Scissors.

Trovarla non è però così semplice, e nel corso del viaggio Miriam si trova suo malgrado invischiata nelle azioni di un gruppo di terroristi dotate di poteri che ambiscono a cambiare il mondo, senza lesinare sulla violenza.

Miriam si troverà ad affrontare un grande dilemma: questa tempesta che sta arrivando è affare suo o no? Accompagnata dalle visioni e dalla scoperta di nuove capacità, Miriam prenderà  la decisione migliore con il suo stile inconfondibile.

Romanzo assolutamente avvincente, soprattutto nella seconda parte in cui facevo fatica a mettere giù il libro, con un finale indimenticabile, è una tappa obbligatoria per i lettori affezionati a Miriam Black.

Mi manchi già, Miriam.


* Thunderbird by Chuck Wendig ★★★★★

*Ho letto questo libro in inglese

Thunderbird (Miriam Black #4) by Chuck Wendig

Standard

Leggi questo articolo in italiano


Thunderbird is the so much waited fourth installment of the Miram Black series (here the reference about the first three book), the woman who knows how and when you die by touching you.

Miriam is looking for a method to get rid of her power, that she was never especially comfortable with, and it seems there is a person who could help her: Mary Scissors.

However, finding that person is not so easy,  and during her trip Miriam finds herself involved in the action of a terrorist group with powers that want to change the world, even with extremely violent actions.

Miriam’s great dilemma will be: to get or not to get involved with all this? With the company of her usual visions and the knowledge of possessing new abilities, Miriam will take the best decision in her typical style.

The novel is extremely engaging, in particular in the latter part where I was unable to get the book down. The ending is wonderful, this book is an absolutely must for the Miriam Black fans and readers.

I already miss you, Miriam.


* Thunderbird by Chuck Wendig ★★★★★

*I read this book in english

È la medicina, bellezza! Perché è difficile parlare di salute by Daniela Ovadia, Silvia Bencivelli

Standard

Perchè è difficile parlare di salute? Silvia Bencivelli e Daniela Ovadia ci spiegano che è così per tanti motivi: perchè è un tema complesso per la persona comune, perchè i giornalisti cercano sempre la notizia sensazionale, perchè anche per gli scienziati a volte è difficile dipanare il vero dal falso, perchè i truffatori sono sempre dietro l’angolo, perchè i capitali in gioco sono tanti.

Ogni capitolo è dedicato a un tema specifico (il negazionismo, le medicine lifestyle, la chirurgia, …) che viene affrontato in modo scrupoloso presentando anche uno o più casi emblematici.

In definitiva una lettura molto interessante, più che mai oggi quando l’accesso a Internet consente a tutti un accesso a bufale di varia natura e dimensione: libri come questo ricordano che avere spirito critico è essenziale, anche se spesso in campo medico è difficile – soprattutto se i malati siamo noi o i nostri cari.


* È la medicina, bellezza! by Daniela Ovadia, Silvia Bencivelli ★★★★☆

In the Woods (Dublin Murder Squad #1) by Tana French

Standard

Leggi questo articolo in italiano


1984, Summer in Knocknaree, Ireland. Three children go in the woods near home to play and they do not come back. The searches begin the next day, and only one child is found near a tree with blood on his clothes, Adam Robert Ryan, who does not remember anything happened in the woods.

Now, Knocknaree. In an archaeological site near the remaining area of the woods a girl is found dead. The murder investigation begin: the leader of the investigation for the Dublin Murder Squad are Cassie and Rob, who is the same child survived during 1984.

The story is told directly by Rob, who tells the story as he remembers it; this investigation is quite hard for him also because he is forced to walk in once familiar places. The 1984 case is taken into account again to check possible common points (maybe it’s a killer who wasn’t active for years).

The strength of the novel is the choice of such a subjective narrator: as readers we have access to a single point of view concerning the case and the people involved in Rob’s life. And in the end the most important question is: how much faith we give the narrator? How reliable is Rob in telling the story?

Once reached the ending I was not sure whether I liked it or not, but thinking about it I ended up agreeing with the author, since her choice makes the book more realistic. I suggest it for the thrillers lovers.


* In the Woods by Tana French ★★★★☆

*I read this book in english