Ad occhi chiusi (Guido Guerrieri #2) by Gianrico Carofiglio

Standard

Secondo romanzo con protagonista l’avvocato Guido Guerrieri, Ad Occhi Chiusi ci presenta una brutta storia di molestie e stalking.

All’avvocato Guerrieri viene chiesto di difendere come parte civile Martina, oggetto di stalking dell’ex fidanzato, uomo violento ma rampollo di padre famoso magistrato. Durante il periodo del processo Guerrieri conosce meglio Suor Claudia, responsabile del centro di aiuto a cui si è rivolta Martina, che avrà un ruolo rilevante nel romanzo.

Nel corso della storia veniamo messi a confronto con episodi di violenza e abuso da una parte, e dall’altra con l’ipocrisia di giudici e avvocati che cercano di evitare il processo di Martina viste le relazioni altolocate dell’accusato.

Come nel romanzo precedente, Testimone Inconsapevole, l’autore ci introduce nelle aule giudiziarie Italiane descrivendo con chiarezza i passaggi più tecnici con uno stile asciutto e lineare. Guido Guerrieri è un protagonista dotato di grande umanità; nel precedente romanzo l’abbiamo visto superare la separazione dalla moglie, qui lo vediamo superare limiti che si era posto fin da bambino, vedremo cosa gli succederà nel prossimo romanzo.


Ad occhi chiusi by Gianrico Carofiglio ★★★★☆

[ARC] Lighter Than My Shadow by Katie Green

Standard

Read this post in english


Il libro, autobiografico, racconta l’infanzia e l’adolescenza di Katie, e i suoi problemi legati a disturbi alimentari. Bambina molto creativa, ma anche pignola nella scelta di cosa mangiare e quando; il confronto con altre ragazze a scuola tende man mano a incrementare il problema, fino a raggiungere episodi di anoressia.

L’autrice apre con questo libro la sua vita al lettore: i disagi passati e come lentamente li ha superati, di fatto ostacolata per diversi anni da un curatore che, millantando di curarla, ne abusava sessualmente.

Un libro toccante a appassionante, graficamente molto ben strutturato e curato.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* Lighter Than My Shadow by Katie Green ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

La nostra fine by Colleen Hoover

Standard

Read this post in english


Mentre il sole tramonta su Boston Lily e Ryle si incontrano sul tetto di un edificio: lei è tornata dal funerale del padre, e dell’uomo ricorda solo la violenza che infliggeva alla madre.

Qualche mese dopo i due si incontrano di nuovo per caso, e l’attrazione che si era manifestata durante il loro primo incontro li avvicina nuovamente. Ryle sembra restio alle relazioni fisse, ma per Lily decide di fare una eccezione.

Fin qui La nostra fine ha tutte le caratteristiche di un romanzo romantico standard: lui, lei, l’attrazione, l’amore. Invece a un certo punto tutto cambia, e la storia diventa tragicamente realistica, affrontando temi molto seri e purtroppo sempre attuali.

L’autrice nella postfazione afferma di essersi ispirata a relazioni vicine a lei per raccontare questa storia; il romanzo, grazie alla piega imprevista del racconto, è molto di più di una storia romantica, affrontando anche temi di amicizia e di relazione madre figlia.Non me lo aspettavo, ma è una lettura che mi è molto piaciuta.

Il titolo italiano perde del senso che aveva nel testo originale, peccato visto che è proprio legato al tema portante della vicenda.


* La nostra fine by Colleen Hoover ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

[ARC] Good Me, Bad Me by Ali Land

Standard

Read this post in english


La madre di Annie è una spietata assassina, e a denunciarla alla polizia è proprio la figlia quindicenne, che nel corso degli anni ha assistito agli omicidi di diversi bambini e subito lei stessa abusi dalla madre.

Ora la donna è in prigione, e Annie ha un nuovo nome, Milly, e una nuova vita in attesa del processo in cui dovrà testimoniare.

Milly vive con la famiglia dello psicologo da cui è in cura, ma l’inserimento nella nuova scuola è difficile anche a causa della “sorellastra” Phoebe, che fa di tutto per prendersi gioco di Milly con il supporto delle amiche popolari; Milly però non è così indifesa come può sembrare a una prima occhiata.

Il lettore segue tutta la vicenda dal punto di vista di Milly, apprezzandone sia le debolezze che lo spietato cinismo.

Il romanzo è un thriller psicologico in cui non sappiamo mai cosa aspettarci dalla protagonista, anche perchè lei per prima non sa definirsi buona o cattiva, ed è una lettura avvincente fino alla resa dei conti finali.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* Good Me, Bad Me by Ali Land ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

The Wild Girl by Kate Forsyth

Standard

Read this post in English

Wilhelm e Jacob Grimm, by Elisabeth Maria Anna Jerichau-Baumann

I fratelli Grimm sono noti per aver raccolto fiabe e racconti popolari tramandati oralmente in diverse raccolte, modificate ed adattate nel corso degli anni.

 

Le edizioni delle loro raccolte sono molto differenti per il loro contenuto: mentre la prima edizione riporta racconti violenti e crudi, le successive sono state riviste e modificate in modo da rendere le fiabe più adatte ai bambini e meno un lavoro filologico, alcuni esempi ben noti sono il fatto che in Biancaneve originariamente la regina cattiva era la madre stessa della fanciulla, Raperonzolo diventa madre di due gemelli e così via.

Tutte queste fiabe non sono state raccolte durante viaggi nella Germania, ma sono state raccontate ai fratelli da ragazze di buona famiglia a cui madri e governanti le raccontavano quando erano bambine. Il romanzo di Kate Forsyth dà voce ad un personaggio chiave della storia dei fratelli Grimm ma in ombra rispetto ai due fratelli: Dortchen Wild, prima vicina di casa e poi moglie di Wilhelm Grimm e voce narrante di diverse fiabe.

Continue reading

Okay for Now by Gary D. Schmidt

Standard

Read this post in English

Doug Swieteck ha una vita difficile: la famiglia è stata costretta a trasferirsi in una casa minuscola di una cittadina nella zona di New York, suo padre è inaffidabile e violento e le stesse tendenze le ha il fratello maggiore; l’altro fratello è in Vietnam per la guerra.
A tenere insieme la famiglia una madre silenziosa, accomodante con tutti e con un sorriso meraviglioso, come ci ricorda Doug.

Il romanzo è centrato su Doug e sulla nuova vita della sua famiglia, racconta di tanti avvenimenti (il ritorno a scuola, le difficoltà scolastiche e familiari di Doug, le reazioni degli abitanti alla famiglia Swieteck, il rapporto con il padre ed il ritorno del fratello dal Vietnam per citarne alcuni), ma più di tutto ci parla di come Doug non ricorra mai al pietismo e all’autocommiserazione ma come sia in grado di affrontare i propri problemi, in un processo che prevede anche errori e modifiche di rotta.

Ogni capitolo è contrassegnato da un dipinto di Audubon che il ragazzo analizza, dipinge e che fa da filo conduttore delle emozioni dello stesso protagonista: l’interpretazione del dipinto non è statica ma muta in funzione degli avvenimenti positivi e negativi nella vita di Doug.

Un elemento forte del romanzo sono i personaggi, tutti ben caratterizzati anche solo da pochi tratti salienti e tutti presenti per uno scopo; i personaggi non sono bidimensionali ma li vediamo cambiare assieme a Doug e capaci di scostarsi dalla prima impressione che ci viene fornita.
Impressioni fornite da Doug, che è il narratore della storia e che la racconta come se stesse parlando direttamente al lettore (con cui Doug ha un rapporto in parte aperto e in parte sulla difensiva), espediente che ho trovato molto coinvolgente e che fa emergere la personalità del ragazzo.

Edit. L’opera di Audubon – The birds of America – è un libro fisicamente immenso (basta cercare un po’ di immagini in rete), qui ad esempio si possono trovare maggiori dettagli sulle singole rappresentazioni.

_______

* Okay for Now by Gary D. Schmidt – ★★★★☆½

*Ho letto questo libro in Inglese

Per una volta nella vita by Rainbow Rowell

Standard

Read this post in English

Una settimana ricca di romanzi di Rainbow Rowell: dopo l’ottima impressione di Fangirl mi sono dedicata a un altro romanzo, anch’esso candidato ai Goodreads Award 2013, “Per una volta nella vita”.

Il romanzo ha confermato l’impressione avuta sull’autrice, gli ho leggermente preferito Fangirl per gusto personale, ora mi rimane da recuperare l’altro romanzo già pubblicato e attendere l’uscita di “Landline”.

Continue reading