[ARC] All the Ugly and Wonderful Things by Bryn Greenwood

Standard

Leggi questo articolo in italiano


All the Ugly and Wonderful Things is a novel I find difficult to comment about and that leaves conflicting emotions.

There is a girl, Wavy, and her bad family: the father produces and sells meth and the mother suffers from depression and clean mania. The traumatic childhood brought Wavy not to trust anyone (most of all her parents), not to talk to anyone, not to be touched by anyone and not to eat with other people in the room.

There is Kellen, a twenty year old thug working for Wavy’s father and who Wavy meets one night. And Wavy finds in Kellen e reference point – he brings her to school, helps her and her little brother Donal – until she falls in love with him, but she is a little girl and also Kellen grows fond of her.

The novel is constructed on various point of views, and among them Wavy’s, and cover a time span of about 15 years, since Wavy is 6 till she is 21. When Wavy is 14 years old, she and Kellen would like to marry, but a dramatic event changes their plans and the girl is sent to her aunt.

The novel conflicting feature are the sensation that transmits to the reader: Kellen falls in love with a child, but he is not a pedophile, instead he is the only one to provide balance in Wavy’s life, but this attachment with Wavy-girl is quite hard to accept; despite the fact that it is moderated by the fact that Wavy’s family is quite awful, from her parents to her aunt, who is unable to understand the girl’s perspective and actually help her.

Reading other reviews I found a phrase that summarize this feeling: during the whole book you hope Kellen and Wavy to be happy together, and then you don’t.

Everything considered, I think the novel is an interesting one, and that it is able to make us think about some issues (and maybe we well contradict our own values), and I liked reading it. Concerning te narrative style it is well done, the POV alternation contributes in building the setting and in developing the characters; the plot is engaging, maybe a little bit slow in the middle part.

However it’s a book difficult to suggest: it’s nice but not everyone will like it, because of the controversial love story.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* All the Ugly and Wonderful Things by Bryn Greenwood ★★★★☆

*I read this book in english

Advertisements

[ARC] All the Ugly and Wonderful Things by Bryn Greenwood

Standard

Read this post in english


All the Ugly and Wonderful Things è un romanzo che ho trovato difficile da commentare e che lascia sensazioni contrastanti.

C’è una bambina, Wavy, con una pessima famiglia: il padre vende metanfetamina e la madre soffre di disturbi che alternano depressione a manie di pulizia eccessive. L’infanzia traumatica ha portato Wavy a non fidarsi di nessuno (soprattutto dei suoi genitori), a non parlare con nessuno, a non farsi toccare da nessuno e a non mangiare con altre persone nella stanza.

C’è Kellen, un ventenne motociclista che fa anche da spacciatore per padre della protagonista e che Wavy incontra una notte. E Wavy trova in Kellen un punto di riferimento – la porta a scuola, la aiuta e difende in casa e aiuta anche il fratellino di Wavy, Donal – fino a innamorarsene, solo che non è una cotta da bambina e anche Kellen si innamora di lei.

Il romanzo alterna diversi punti di vista, tra cui quello di Wavy, e copre un periodo di tempo di circa 15 anni, da quando Wavy ha 6 anni fino a quando ne ha 21. Al compimento dei 14 anni Wavy e Kellen vorrebbero sposarsi, ma un evento drammatico rimette le carte in gioco e la vita della bambina nelle mani della zia.

L’ambivalenza del romanzo è dovuta alle sensazioni che trasmette rispetto ai personaggi: Kellen si innamora di una bambina ma non è un pedofilo, anzi è l’unico punto di equilibrio della vita della protagonista, però questo attaccamento a Wavy bambina è difficile da accettare, anche se qui è moralmente mediato dal fatto che la famiglia della bambina è negativa, a partire dai genitori, ma anche la zia non è in grado di comprendere il punto di vista della nipote e aiutarla effettivamente.

Leggendo altre recensioni ho trovato una frase che riassume tutto questo: per tutto il tempo speri che Kellen e Wavy siano felici insieme, però ti penti di averlo sperato.

Trovo però che, nel bene o nel male, sia un romanzo che fa riflettere (e farci cadere in contraddizione con i nostri valori) ed è una lettura che ho apprezzato. Dal punto di vista narrativo niente da eccepire, i punti di vista si alternano e forniscono sfaccettature diverse rispetto ai personaggi e contribuiscono a caratterizzarli, e la trama, per quanto più lenta nella parte centrale, è avvincente.

E’ un libro che è difficile da consigliare, bello ma sicuramente non potrà piacere a tutti, proprio per il tema controverso su cui parte della storia si sviluppa.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* All the Ugly and Wonderful Things by Bryn Greenwood ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese