La ragazza che leggeva nei cuori by Teri Brown

Standard

Read this post in english


Iniziamo con il sorvolare sul titolo Italiano, tanto ormai lo sappiamo che nelle case editrici si lavora alacremente per trovare il titolo più banale possibile e meno indicato al contesto.

New York, anni 20. Anna è una capace illusionista che fa da supporto allo show della madre, Marguerite Van Housen nota medium, che si divide tra spettacoli pubblici e sedute spiritiche private.

Anna è adolescente, vorrebbe più spazio nello spettacolo, vorrebbe conoscere il padre (che la madre le ha raccontato essere Houdini) e soprattutto vorrebbe comprendere perchè ha delle visioni del futuro.

Il romanzo è uno YA paranormale, piuttosto banale, peraltro. Il grosso del romanzo lo passiamo con Anna e i suoi film mentali relativi al padre, ai suoi poteri e ai due possibili interessi amorosi (quando si dice essere originali).

L’ambientazione, ma soprattutto i personaggi non reggono il confronto con una serie di stampo simile, sempre ambientata a New York e basata sul paranormale (The Diviners di Libba Bray).

Ho trovato il romanzo noioso e alcuni colpi di scena tremendamente prevedibili, di sicuro non proseguirò nella lettura della serie.


La ragazza che leggeva nei cuori by Teri Brown ★★☆☆☆

*Ho letto questo libro in inglese

La stella nera di New York by Libba Bray

Standard

Read this post in English


Veramente un bel romanzo; l’ambientazione nell’America degli anni ’20 è decisamente ben resa, le descrizioni sono vivide e ben dettagliate.
Buona anche la caratterizzazione dei personaggi, tutti con vari segreti più o meno manifesti nel romanzo; la protagonista, Evie, è un’eroina spesso capricciosa ma allo stesso tempo spigliata e ironica che non ha bisogno di alcun principe che la porti in salvo.

La trama è basata sul tema dell’occulto e del paranormale e i capitoli dedicati a queste tematiche sono angoscianti al punto giusto.
Complessivamente un buon romanzo, peccato solo che molti personaggi siano utili ai fini della serie e non del singolo romanzo, in quest’ottica il titolo originale, “The diviners” (titolo decisamente poco azzeccato), funge più da introduzione a maggiori mali che verranno; quello italiano se possibile è ancora peggiore.


* La stella nera di New York by Libba Bray ★★★★☆½

*Ho letto questo libro in Inglese