Biscotti e sospetti by Stefania Bertola

Standard

Anche questa volta Stefania Bertola non mi ha deluso: cercavo divertimento e leggerezza e li ho trovati con Biscotti e sospetti – unico problema, non riesco più a togliermi di testa la musica legata al titolo…

Protagoniste del romanzo due sorelle, Violetta e Caterina Chiarelli, neo affittuarie di un appartamento in un complesso residenziale, e gli altri abitanti della palazzina, Rebecca Demagistris separata e con tre figlie, Mattia Novalis arredatore con pessimo gusto e Emanuele Valfré, proprietario di una vetreria.

L’arrivo delle due sorelle crea grande scompiglio nella villa, nasceranno amori, naufragaranno matrimoni, alci rosa in plastica con la lucina saranno vendutie e l’ape dell’amore colpirà ancora (la stessa ape già trovata anche in Ragazze Mancine, e che meraviglia quando l’autore crea punti di congiunzione tra i romanzi).

Assolutamente piacevole e rilassante.


Biscotti e sospetti by Stefania Bertola ★★★★☆

Ragazze mancine by Stefania Bertola

Standard

I romanzi di Stefania Bertola sono una certezza: nei momenti stressanti regalano sempre un momento di svago leggero e di divertimento.

Le Ragazze Mancine in questione sono Adele ed Eva. Adele è stata mollata dal marito che l’ha lasciata povera in canna e con l’onere di occuparsi del cane della nuova fidanzata. Eva si arrangia a vivere con mille lavori per dare una casa alla figlia neonata Jezebel (detta Jezz).

L’incontro tra le due avviene con la complicità dell’autogrill di Novara Est e di un medaglione al collo di Eva, che sarà anche uno dei fulcri di questa strampalata storia.

E sarà l’incontro di due modi di vivere completamente diversi; Adele non ha mai lavorato nella vita e ha l’ambizione di trovare un nuovo marito ricco, Eva è convinta del fatto che il medaglione porti fortuna a lei e alla figlia e per questo si rifiuta di restituirlo alla legittima proprietaria, l’insopportabile Clotilde.

Una lettura veramente piacevole e divertente, ma, come dicevo sopra, Stefania Bertola è una sicurezza.


Ragazze mancine by Stefania Bertola ★★★★☆

Non ditelo allo scrittore (Vani Sarca #3) by Alice Basso

Standard

Terzo libro della serie con protagonista Vani Sarca, la sarcastica ghostwriter con una passione per le indagini pericolose.

Vani si troverà tra le mani un ghostwriter come lei – o meglio, un autore ingannato e privato della sua opera – che ha un carattere anche più ostile di quello di Vani.

La vita di Vani si divide quindi tra il grande dilemma di come renderlo gradevole al pubblico, e il caso da cui Berganza vorrebbe tenerla il più lontana possibile. Il tutto intervallato da episodi in cui Vani era al liceo.

Come i precedenti è divertente, ben scritto e molto scorrevole e una protagonista così (sarcastica, ironica, concreta, …) è impossibile da dimenticare.

Per chi fosse interessato alle serie i precedenti due volumi sono, in ordine, L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome e Scrivere è un mestiere pericoloso. Tutti e tre condividono una copertina altamente insulsa.


* Non ditelo allo scrittore by Alice Basso ★★★★☆

[ARC] Bull by David Elliott

Standard

Read this post in english


Bull è una riscrittura del mito di Teseo e il minotauro in versi. Questo retelling non va a modificare ambientazione o personaggi, ma l’autore sceglie di approfondire le parti che il mito originale sorvola: l’adolescenza di Asterion (il minotauro) e le relazioni tra i personaggi.

A dettare il ritmo della narrazione sono gli interventi di Poseidone, cinici, sarcastici e divertenti: la divinità sceglie quali voci ascoltare inquadrando i diversi personaggi coinvolti (Minosse, Pasifae, Asterion, Arianna, Dedalo).

Il libro si compone quindi di monologhi in poesia – i personaggi non interagiscono tra loro – che hanno struttura diversa in funzione del personaggio parlante, l’unico che non è vincolato da uno schema prefissato è, ovviamente, Poseidone.

Ho trovato Bull divertente e scorrevole, la struttra in versi non ostacola la lettura, anzi permette all’autore di inserire diverse frasi a effetto.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* Bull by David Elliott ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

Ti odio, anzi no, ti amo! by Sally Thorne

Standard

Read this post in english


Le fusioni societarie possono essere difficili: la Bexley & Gamin ora ha due direttori (che si detestano vicendevolmente) e ognuno di loro ha il suo vice, per questo Lucy condivide l’ufficio con l’odiato Joshua Templeman.

Ogni giorno l’obiettivo di Lucy è di infastidire il precisissimo collega, implacabile tagliateste, così diverso da lei, sempre gentile con tutti.

Come ogni romanzo di questo genere si capisce subito dove ci porterà la storia, ma non per questo è meno divertente. Ti odio, anzi no, ti amo! è un buon romanzo passatempo, un romanzo romantico gradevole in cui le scene più hot – abbastanza grafiche – non sono così tanto ricorrenti come accade in alcuni melody.


* Ti odio, anzi no, ti amo! by Sally Thorne ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

Ragione & Sentimento by Stefania Bertola

Standard

Stefania Bertola riscrive il romanzo Austeniano e lo ambienta nella Torino del 2015, nasce così Ragione & Sentimento.

Come tutti i romanzi dell’autrice anche questo ha la sua buona dose di strampalatezza, la storia è leggera – ogni tanto ci vuole, assieme a una buona dose di risate – ma seria quanto basta.

Le quattro donne della famiglia Cerrato sono assolutamente deliranti nelle loro fissazioni, tutte tranne Eleonora che, con il suo lavoro di maestra e il buon senso che la caratterizza, mette un equilibrio agli eccessi delle altre, troppo impegnate a rimpiangere ricchezze passate e perseguire sogni folli.


* Ragione & Sentimento by Stefania Bertola ★★★★☆½

Suicide Notes by Michael Thomas Ford

Standard

Suicide Notes affronta un tema piuttosto difficile, quello del suicidio (derivato da problemi di relazione e emotivi) nei ragazzi.

Jeff si risveglia in un centro psichiatrico dopo aver fallito il proprio suicidio, e il romanzo percorre i 45 giorni del programma di recupero in cui i genitori l’hanno iscritto. La vita di Jeff si divide quindi tra sedute di analisi con lo psichiatra responsabile della struttura e di incontri che coinvolgono anche gli altri giovani, ospiti della struttura per motivi differenti. Nel corso del romanzo Jeff si troverà ad affrontare il problema alla base del suo comportamento, prima di tutto ammettendolo con se stesso.

Grazie all’ironia e sarcasmo di Jeff il romanzo non è drammatico, ma risulta in molte parti anche divertente. Non sono però sicura che alcune immagini siano adatte a un pubblico molto giovane.

_______

Suicide Notes deals with a difficult theme, the suicide in young people (mainly due to emotional and relational issues).

Jeff wakes up in a psychiatric yard after failing to kill himself. The novel follows Jeff’s story during the 45 days of the rehab program he has to follow for his parent’s decision. Jeff’s life is divided among single therapy with the psychiatrist who manages the structure and with group sessions with the other girls and boys living in the structure. During the novel Jeff has to face the problem behind his behaviours, first of all by analyzing it himself. stesso.

Thanks to Jeff’s irony and sarcasm the novel is not dramatic, and some parts are light and funny. However I’m not sure that some images are quite suited for a young reader.

_______

Suicide Notes by Michael Thomas Ford ★★★☆