[ARC] Hild by Nicola Griffith

Standard

Read this post in English

Gwladus so soft and pliant, Hild hard and clear.
“I’m not pretty.”
“You don’t need to be pretty. You’re like lightning. Like a tide. Like a blizzard.”
“Something to run from.”
“Something to get caught up in. Something to remember for the rest of your life.”

Hild of Whitby

Questo per me è il dialogo che riassume quanto di Hild doveva trasparire dal romanzo, in cui però l’autrice ha perso l’occasione di valorizzare una figura enigmatica e dalle grandi potenzialità narrative come è Hild.

 

Hilda di Whitby è un personaggio storico realmente esistito e di cui si conosce ben poco prima del 647d.C., successivamente a questa data Hilda è nota per aver fondato l’abbazia di Whitby. Le sue nobili origini (era nipote di Edwin di Northumbria, sovrano britannico convertito al cattolicesimo) e questo vuoto temporale in cui non si hanno notizie certe sulle sue attività la rendono un personaggio letterario interessante, purtroppo il romanzo si dedica troppo alla componente storica e meno a quella di finzione.

 

Continue reading

Advertisements