Fiabe lapponi by Bruno Berni

Standard

Fiabe Lapponi, edito da Bruno Berni, è una raccolta di fiabe della tradizione Lappone, meno nota anche rispetto ad altre tradizioni del nord (come quella norvegese).

Il meccanismo alla base di molte delle fiabe qui raccolte ricorda quelli si quelle che già conosciamo – e che appartengono a tradizioni più vicine – come il dover compiere tre prove, la presenza di principesse da salvare e così via.

Altri tratti però sono smaccatamente nordici: creature come gli Stallo, una sorta di orchi piuttosto stupidi, le Gieddegæš, vecchie sagge che indirizzano con le loro profezie, ma anche le ambientazioni, così diverse da quelle a cui siamo abituati; niente castelli ma fattorie, capanne sperdute nelle foreste, montagne alte e innevate, orsi e altri animali.

Il libro prende spunto dalle raccolte realizzate nell’Ottocento, e si nota come i testi siano meno rifiniti (bisogna però ricordare che i fratelli Grimm hanno rivisto, rifinito e modificato le versioni delle loro fiabe) e spesso si concludano bruscamente. Penso che però sia un testo interessante, soprattutto per gli appassionati del genere, proprio per il punto di vista differente che fornisce, quindi complimenti a Iperborea per aver deciso di pubblicare volumi dedicati alle fiabe del nord (dalla copertina stupenda in questo caso).

_______

Fiabe lapponi by Bruno Berni ★★★☆☆

La tristezza degli angeli by Jón Kalman Stefánsson

Standard

La tristezza degli angeli è il secondo capitolo di una trilogia Islandese con protagonista un Ragazzo, non meglio nominato, ambientata nell’Islanda dell’ottocento.

Nel primo volume – Paradiso e Inferno – il Ragazzo è costretto ad affrontare la morte di un amico ed il viaggio per restituire il volume del “Paradiso Perduto” al suo proprietario, un ex capitano ora cieco. Il romanzo chiudeva con una nuova prospettiva di vita per il protagonista, accolto ed impiegato nella locanda del paese.

Questo volume lo vede invece costretto a partire per nuove avventure con Jens, il postino, che accetta il compito di consegnare la posta in una zona coperta da un altro uomo, purtroppo malato. Jens ed il Ragazzo si troveranno ad affrontare l’inverno islandese ed a lottare per sopravvivere: Jens ha il terrore delle barche mentre il Ragazzo non è abituato a lunghe camminate nelle bufere. Durante il viaggio gli sporadici incontri permettono di comprendere le caratteristiche e le difficoltà di una vita in condizioni estreme che impediscono anche il contatto tra fattorie vicine per il perdurare dell’inverno.

Il romanzo affronta i temi della morte e le relazioni tra personaggi molto differenti ponendo sempre il peso sull’importanza delle parole e della scrittura, una lettura molto interessante anche se sicuramente non un page-turner.

_______

La tristezza degli angeli by Jón Kalman Stefánsson ★★