Gelo per i Bastardi di Pizzofalcone by Maurizio De Giovanni

Standard

Gelo è il quarto romanzo della serie dell’Ispettore Lojacono (o dei Bastardi di Pizzofalcone): protagonista è la squadra di un commissariato composta dai reietti degli altri gruppi di polizia.

Dei primi tre romanzi della serie ho già parlato qui, e anche questo si conferma senza infamia e senza lode.

Lo stile dell’autore si riconosce e rende sicuramente gradevole la lettura, come altri in precedenza raccoglie due casi differenti (per dare modo a tutta la squadra di muoversi): il giallo in sè (l’omicidio di due ragazzi calabresi) e la storia di supporto (un padre di famiglia sospettato di molestie alla figlia adolescente).

Il giallo è pressochè impossibile da risolvere senza gli elementi cruciali che vengono scoperti sul finale, però il meccanismo è veramente debole (non entro nei particolari per evitare spoiler inappropriati).

L’idea di creare una squadra di poliziotti si conferma interessante soprattutto nell’ottica di una serie, il lettore ha modo di seguire le singole vicende personali e di affezionarsi ai personaggi; si conferma ancora il triangolo (di cui De Giovanni sembra non poter fare a meno) ma abbiamo speranze di vederlo linearizzato prossimamente.

_______

Gelo per i Bastardi di Pizzofalcone by Maurizio De Giovanni ★★★☆☆

Cuckoo Song by Frances Hardinge

Standard

Read this post in English

Triss si risveglia nel suo letto e l’assale l’ignoto: non ricorda nulla del giorno prima – durante il quale ha pare abbia rischiato di annegare nel fiume – e fatica a riconoscere quello che dovrebbe esserle noto (la sua camera, i suoi genitori, la sorella Pam che sembra odiarla e non conoscerla più). Inoltre ha una fame che sembra insaziabile, sintomo di un male ignoto; una volta capito cosa le sta accadendo per Triss nulla sarà più come prima.

E più di così – più di questa vaghezza estrema che copre solo i primi capitoli di Cuckoo Song – non si può dire senza svelare tutti gli elementi immaginifici e fantastici di questo bellissimo romanzo.

Cuckoo Song ci racconta una storia magica, magistralmente costruita e narrata che ci parla anche dell’importanza di capire quello che si è e di trovare un nostro posto e di lasciare andare quello che appartiene al passato, anche a costo di affrontare malinconia e dolore.

La scrittura è brillante, lo stile narrativo svela quanto basta e nel momento giusto e i personaggi sono quelli a cui ci si affeziona e che spiace lasciare andare una volta finito il romanzo (che, a questo punto sembra ovvio, è assolutamente consigliato).

_______

* Cuckoo Song by Frances Hardinge ★★★★★

*Ho letto questo libro in Inglese

Il cardellino by Donna Tartt

Standard

Read this post in English

Il cardellino è l’ultimo romanzo di Donna Tartt, ed il primo che leggo di questa autrice.

A dare il nome al romanzo il dipinto di Carel Fabritius raffigurante un cardellino legato ad un trespolo; il dipinto avrà un ruolo particolare all’interno del romanzo e accompagnerà il protagonista nelle difficile scelte che gli impone la vita.

Theo, adolescente, si trova coinvolto in un attentato al MET in cui perde la madre, unico genitore che si è da sempre occupato di lui, e, nell’uscire dal luogo dell’orrore, ruba il dipinto esposto nascondendolo poi in casa.

La vita del ragazzo sarà segnata profondamente dalla morte della madre, evento che lo porterà a vivere con i Barbour, ricca famiglia di un lontano amico, e che esacerberà la tendenza di Theo alla depressione ed all’autodistruzione portandolo ad avvicinarsi a dipendenze varie, dall’alcol e alle droghe.

Cruciali nella sua vita saranno l’incontro con Boris, coetaneo di origine russa e già indirizzato ad una vita ai margini della legalità, e la presenza incostante di Pippa, che ha condiviso con lui il momento dell’attentato e che sola può comprenderne l’influenza nella vita del ragazzo.

The Goldfinch / Il Cardellino by Carel Fabritius

La presenza del dipinto farà maturare in Theo sentimenti contrastanti: da una parte egli è ben conscio di aver privato l’umanità di un’opera d’arte e di aver commesso un furto, dall’altra l’attrazione per il dipinto – che gli riporta alla mente la madre – è troppo forte per potersene separare; questo elemento farà sì che nella sua vita Theo non riuscirà a lasciarsi alle spalle il passato e a vivere un’esistenza serena.

 

La trama è appassionante, a meno di alcune parti in cui tutto si rallenta concentrandosi forse troppo sulle emozioni del ragazzo, elemento cruciale che pervade l’intero romanzo (e che rischia, per i troppo empatici, di portare un po’ di depressione anche nella vita reale): Theo vive un’esistenza sfortunata, un po’ per caso, un po’ per alcune scelte spontanee, ma il suo carattere riflessivo lo porta a condividere con il lettore dubbi, incertezze e pulsioni.

Non posso poi non citare le descrizioni, vivide e vere, tanto che sembra di essere lì, dove l’autrice ci vuole portare, bellissime sia per questa capacità di coinvolgere e per le scelte linguistiche e l’amore per l’arte e per la musica che pervade l’intero romanzo.

Nella sua costruzione il romanzo ci rimanda alla grande letteratura dei tempi passati, ed è sicuramente una lettura che consiglio, seppur complessa ed emotivamente impegnativa.

Da ultimo mi chiedo: perché proprio quel dipinto? Il cardellino nel quadro è legato, e potrebbe simboleggiare il fatto che Theo scelga di non lasciare andare il ricordo della madre, ma di ancorarsi a quell’ultimo momento condiviso insieme, oppure lo stesso Theo, ingabbiato in una vita che non ha potuto scegliere completamente ma dettata in buona parte dal destino.

Ho letto inoltre che il cardellino simboleggia anche l’anima dell’uomo che lascia il corpo dopo la morte: forse allora sempre la madre che non viene lasciata libera di abbandonare questo mondo?

In un romanzo dove niente è lasciato al caso penso sia lecito porsi queste domande e trovare una risposta, anche se non una universale.

_______

* Il cardellino by Donna Tartt ★★★

*Ho letto questo libro in Inglese

Tra mamma e Jo by Julie Anne Peters

Standard

Read this post in English

Protagonista e punto di vista narrante del romanzo è Nick, figlio di Erin e Jo, una coppia omosessuale.
Il romanzo segue alcuni momenti importanti della vita del ragazzo dai 5 anni di età fino all’adolescenza e, in modo indiretto, l’evoluzione del rapporto tra le sue due madri.

Nel complesso ho trovato troppi – e quindi poco approfonditi – i temi narrati: la discriminazione nei confronti di Nick, l’alcolismo, la malattia grave, i problemi di coppia, la separazione, l’affido, le dinamiche familiari, l’amore, il matrimonio. Il passare continuo da un tema all’altro impoverisce il contenuto del romanzo, si rischia di risultare superficiali e piuttosto scontati.

“Tra mamma e Jo” non mi ha emozionato, ho trovato difficile provare empatia per i personaggi che, pur essendo pochi ed il cuore del romanzo stesso, non sono approfonditi e descritti in modo adeguato.

Il romanzo avrebbe potuto fornire un punto di vista interessante, purtroppo secondo me ha completamente fallito nell’intento.

_______

* Tra mamma e Jo by Julie Anne Peters ★★☆☆☆

*Ho letto questo libro in Inglese

[ARC] Tape by Steven Camden

Standard

Read this post in English

Ryan nel 1993 sta cercando di superare la perdita della madre: il padre si è da poco risposato e con il matrimonio il ragazzo ha guadagnato un fratello, Nathan, con cui non va affatto d’accordo. Il suo modo di elaborare il lutto è di parlare alla madre registrandosi su una cassetta.

Anni dopo anche Ameliah sta cercando di superare la morte dei genitori: andata a vivere con la nonna materna, inizia a guardare quanto rimasto dei genitori, la musica che ascoltavano, la chitarra della madre, e una serie di cassette registrate.

Ovviamente Ryan e Ameliah sono collegati – neanche tanto difficile capire come – e il romanzo segue entrambi in parallelo mentre elaborano e superano il loro dolore.

E’ un romanzo carino, ma nulla di più: l’evoluzione della trama ed i collegamenti tra passato e presente sono piuttosto evidenti, è comunque un buon romanzo adatto a lettori adolescenti.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per stendere questa recensione.

_______

* Tape by Steven Camden ★★★☆☆