Burial Rites by Hannah Kent

Standard

Leggi questo articolo in italiano


23202647 Burial Rites, Hannah Kent‘s debut novel, takes inspiration from the true story of Agnes Magnúsdóttir, accused of murder and last publically executed in Island.

The author takes from the reality to describe the role fo women in the 1800 Island society. Agnes is an illegitimate child, poor, and her only role in society is the one of maidservant in the households and farms. Her last employee is Natan Ketilsson, herbalist, healer, lover of married women and – someone says – friend of the devil.

And its the murder of Natan and of another man Agnes is accused of, with the help of the other household maid, Sigga, and of Friedrik Sigurdsson, from a nearby farm.

In the months before the execution, Agnes is assigned to a family in her valley of birth. The family is at the beginning unfriendly and scared, but day after day they grow fond of Agnes, who tells her story to them and to a young priest who is to help her till the moment of death.

This way the portrait of this young woman grows page after page, her thought aware of the incumbency of death, and we can also appreciate the portrait of the society around her, people willing to judge, to accuse, but also to understand and to comfort.


* Burial Rites by Hannah Kent ★★★★☆

*I read this book in english

Ho lasciato entrare la tempesta by Hannah Kent

Standard

Read this post in english


23202647 Ho lasciato entrare la tempesta, romanzo d’esordio di Hannah Kent, prende spunto dalla storia vera di Agnes Magnúsdóttir, accusata di omicidio e ultima ad essere giustiziata in Islanda.

L’autrice prende spunto dalla realtà per descrivere il ruolo della donna nella società islandese di inizio 1800. Agnes è nata illegittima e povera, e le è riservato il ruolo di serva nelle fattorie per cui lavora. L’ultimo suo impiego è per Natan Ketilsson, erborista, guaritore, amante di donne anche sposate e in combutta con il demonio, secondo alcuni.

Ed è proprio per l’omicidio di Natan e di un altro uomo che Agnes viene accusata assieme all’altra serva di Natan, Sigga, e Fridrik Sigurdsson, ragazzo di una fattoria vicina.

Nei mesi antecedenti all’esecuzione Agens viene assegnata a una famiglia della sua valle di origine. La famiglia la accoglie all’inizio con ostilità, ma con il passare del tempo Agnes viene accolta nel nucleo famigliare, e inizia a confidarsi con loro e con un giovane prete che la seguirà fino al momento della morte.

Vediamo così comporsi il ritratto di questa giovane donna, conscia dell’incombenza della morte, e della società dell’epoca intorno a lei, pronta a giudicare, accusare ma anche a capire e consolare.


* Ho lasciato entrare la tempesta by Hannah Kent ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese