Annihilation (Southern Reach #1) by Jeff VanderMeer

Standard

Primo romanzo della trilogia Southern Reach, Annientamento ci introduce all’Area X e ai suoi misteri.

Il romanzo è narrato dalla biologa, una delle componenti della 12° spedizione mandata dall’agenzia Southern Reach ad esplorare l’Area X. La spedizione è composta da quattro donne, che conosciamo non per nome ma per la loro specializzazione: la psicologa, la biologa, l’antropologa e la topografa.

Questa spedizione e le precedenti sono caratterizzate dall’assenza di strumenti moderni di rilievo e comunicazione e dal fatto che i membri delle spedizioni sono invitati a tenere un diario aggiornato dell’esplorazione.

La voce della biologa da una parte racconta dell’esplorazione (il misterioso tunnel che a lei appare come una torre, le scritte e la ricerca di chi le ha prodotte, il mistero del faro), dall’altra fa emergere quanto di inquietante accompagna la spedizione (il ruolo della psicologa, il destino delle precedenti esplorazioni, il motivo per cui ha scelto di farsi coinvolgere nel progetto).

Il romanzo è costruito sul un mistero dell’Area X e gioca bene sull’inquietudine data dall’ignoto che circonda le esploratrici e dall’assenza di punti saldi di cui fidarsi: quale è l’intento della Southern Reach? E il ruolo delle compagne della biologa? Da un punto di vista generale questo schema dell’incerto non è niente di particolarmente nuovo, VanderMeer parte da uno schema rodato che integra con elementi che possono essere considerati weird (o quello che lo scrittore definisce come tale, vedi ad esempio la raccolta da lui edita, The Weird).

E’ breve e scorrevole ma non risolutivo: spero che nei successivi romanzi si chiariscano meglio i ruoli delle varie figure in gioco.

_______

First novel of the Southern Reach trilogy, Annihilitation introduces the reader to Area X and its mysteries.

The novel is told by the biologist, one of the 12th expedition components, sent by the Southern Reach agency to explore Area X. This expedition is composed of four women, of whom we now their role but not their names: the psychologist, the biologist, the anthropologist and the surveyor.

This and the previous expedition are characterized by the absence of modern instrumentation system for survey and communication, and the components are invited to keep and up to date diary of the events.

The biologist voice tells both about the exploration (the mysterious tunnel she sees as a tower, the words and the search for the creature who wrote them, the lighthouse mystery) and about everything creepy about the expedition itself (the psychologist role, what happened to the previous expeditions, the reason the biologist decided to take part to the project).

The novel is build upon Area X mystery and plays well with the fears from the unknown around the exploration and the absence of someone to trust: what is the aim of Southern Reach? And the role of the other three women? From a general point of view the novel is built upon a classic scheme of the unknown, VanderMeer enriches the story by adding weird elements (or what is weird for this writer, according to The Weird, the collection he edited).

It’s short and engaging but there is not a conclusion, I hope that the following two novels clarify the roles of the characters gravitating around Area X.

_______

Annihilation by Jeff VanderMeer ★★★★☆

The Weird – recensione ragionata da una lettura delirante collettiva

Standard

The Weird: A Compendium of Strange and Dark Stories è un’antologia del 2012 di fiction weird edita da Ann e Jeff VanderMeer.

Conta più di 1000 pagine e più di 100 racconti, ed evidentemente è un’impresa solo il pensare di affrontarla, per questo abbiamo (Francesca, Saretta, Livia, Tintaglia, Elisabetta: le cinque coraggiose del gruppo YA&Dintorni su Goodreads) deciso di dedicarle un intero anno: un paio di racconti a settimana con appuntamento fisso per il commento.

Il capolavorone del weird ci ha lasciato però un po’ perplesse (per fortuna l’abbiamo parcellizzato e letto e commentato tutte insieme) e anche per questo – e per celebrare l’impresa di averlo concluso – abbiamo optato per una recensione con domande e risposte a cui rispondiamo in tre, Saretta (muà), Francesca e Tintaglia

Continue reading