Gli anni dolci by Jirō Taniguchi

Standard

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli Anni Dolci è un romanzo grafico di Jirō Taniguchi, che ho già molto apprezzato per La vetta degli Dei, In una lontana città e Uno Zoo d’inverno .

Devo dire che rispetto a questi altri titoli Gli Anni Dolci mi ha coinvolto meno, per quanto sempre molto curato nello sviluppo e nello stile preciso del disegno.

La storia, divisa in due volumi, racconta dell’incontro tra Tsukiko e uno dei suoi professori del liceo. I due, accomunati da una delicata sensibilità e dall’amore per il cibo, faranno degli incontri sporadici la base per costruire un’amicizia e anche sentimenti più profondi.

Rispetto ad altre storie dello stesso autore mi ha colpito proprio questa attenzione all’alimentazione, elemento quasi sempre presente negli incontri tra Tsukiko e il prof.

La storia, tratta da un romanzo, trasmette la difficoltà di un rapporto tra due persone così distanti in termini di età, ma anche le incertezze sentimentali e non di Tsukiko, il cui punto di vista è quello che il lettore segue per tutto il racconto.

Come dicevo è ben realizzata, ma non mi ha particolarmente emozionato, forse anche per la difficoltà nel comprendere le emozioni della protagonista.

_______

Gli anni dolci by Jirō Taniguchi ★★★☆☆

 

Uno zoo d’inverno by Jirō Taniguchi

Standard

Ho scoperto da poco tempo l’autore Jirō Taniguchi e in breve ho colmato parte della mia ignoranza leggendo In una lontana città e il bellissimo La vetta degli Dei.

Gli aspetti che emergono immediatamente dalla lettura di queste graphic novel sono le sceneggiature ben costruite e coinvolgenti – anche a livello emotivo, e il disegno preciso e dettagliato.

Continue reading

In una lontana città by Jirō Taniguchi

Standard

Hiroshi Nakahara sta tornando a casa da un viaggio di lavoro, prende un treno sbagliato e si ritrova diretto al suo paese d’origine. Coglie così l’occasione di visitare la tomba della madre, morta 23 anni prima; mentre è al cimitero succede qualcosa di incredibile e Hiroshi si risveglia nel corpo del quattordicenne che era stato.

Non riuscendo a tornare nel presente Hiroshi rivive i suoi quattordici anni con la consapevolezza di quello che è già accaduto: è proprio nell’estate di quell’anno che il padre ha abbandonato la famiglia lasciando la madre a prendersi cura dei due figli.

Il protagonista si divide così tra il desiderio di tornare a casa dalla moglie e dalle figlie e quello di impedire la fuga del padre.

Jirō Taniguchi utilizza il meccanismo del ritorno all’adolescenza per indagare sulle scelte passate e sui segreti mantenuti dalle persone care, per Hiroshi il viaggio sarà un mezzo per acquisire consapevolezza sul passato e diventare un uomo migliore nel presente.

_______

In una lontana città by Jirō Taniguchi ★★★★☆½