[ARC] I am behind you by John Ajvide Lindqvist

Standard

Leggi questo articolo in italiano


This book is so extremely weird that I don’t know how to begin talking about it.

The beginning it’s truly intriguing: one morning, the inhabitants of four trailers, installed in a camping for the summer, wake up and do not find anymore the camping. Around them a field of green grass and an infinite blue sky.

This way start a story that can be defined as horror, but also in the extreme weird. The main characters (Trailer 1: Athletic Peter, his beautiful wife Isabel and Molly, their daughter, Trailer 2: Quiet Stefan with Carina and their son Emil, Trailer 3: The strange couple Olof and Lennart and their cat and last Trailer 4: Quick tempered Donald and his patient wife Majvor and their dog) initially try to understand this new environment and to find clues on how to get back to their quiet, boring reality.

After some time this anonymous place starts to bring out the worst from them: visions bring back the hidden past and the worst and violent inclination of these unlucky campers. The characters are the focus of the novel and they are well-build, also thanks to the narrative choice to follow each PoV, with a couple of creepy exceptions.

Unfortunately the conclusion is the apex of the unintelligible, and this is the main reason why the novel did not convince me. In the end a good execution but the ending left me a bit frustrated, too bad since I very much liked Let the right ones in.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* I am behind you by John Ajvide Lindqvist ★★☆☆☆

*I read this book in english

[ARC] Musica dalla spiaggia del paradiso by John Ajvide Lindqvist

Standard

Read this post in english


Questo libro è talmente strano che non so bene da dove cominciare.

L’inizio è intrigante: una mattina, gli abitanti di quattro roulotte, installate in un campeggio per l’estate, si svegliano e non trovano più il campeggio. Intorno a loro una landa verde quasi irreale e uno sconfinato cielo azzurro.

Inizia così una storia che sfocia in parte nell’horror, ma principalmente nel weird più estremo. I protagonisti (Roulotte 1: L’atletico Peter e la bellissima Isabel con la figlia Molly, Roulotte 2: Il mite Stefan con Carina e figio Emil, Roulotte 3: La strana coppia Olof e Lennart con gatto e Roulotte 4: l’irascibile Donald con la paziente moglie Majvor e il loro cane) cercano inizialmente di orientarsi in questo nuovo ambiente e di trovare indizi che li porteranno nuovamente nella sana, tranquilla realtà.

Con il passare del tempo il luogo anonimo però tira fuori il peggio da ognuno di loro: allucinazioni riportano a galla passati nascosti e le peggiori e violente inclinazioni di alcuni degli sventurati campeggiatori. I personaggi sono il fuoco del romanzo e sono ben caratterizzati, anche perchè la scelta narrativa è di seguire il punto di vista di ognuno di loro, con un paio di dovute e inquietati eccezioni.

La conclusione è l’apoteosi dell’incomprensibile, ed è anche per questo che il romanzo non mi ha convinta più di tanto, insomma buona l’esecuzione ma il finale mi ha lasciato più stranita del previsto, peccato, perchè invece avevo particolarmente apprezzato Lasciami entrare.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* Musica dalla spiaggia del paradiso by John Ajvide Lindqvist ★★☆☆☆

*Ho letto questo libro in inglese