I cani di via Lincoln by Antonio Pagliaro

Standard

Palermo, una notte, mentre sta tornando a casa, una ragazza vede in via Lincoln, appesi a un lapione fuori dal ristorante Grande Pechino, diversi cani morti.

Alcune sere dopo viene denunciata una sparatoria nel ristorante, i carabinieri intervengono e trovano otto morti, e indagando scoprono nelle cantine del ristorantante indizi che fanno pensare a traffici complessi e collegamenti tra la mafia locale e quella cinese.

Impegnati nell’indagine sono il tenente dei Carabinieri Cascioferro, cinico e rassegnato, e il magistrato Elisa Rubicone, donna e fiorentina, quindi inadatta a comprendere i delicati equilibri che regolano la città.

La strage in Via Lincoln sarà solo il punto di partenza da cui scaturiranno altri momenti di violenza e vendetta, almeno finchè non verrà raggiunto un nuovo equilibrio.

Da una parte quindi i carabinieri che ingano, aiutati anche da un giornalista locale, e dall’altra la mafia, per cui la strage di via Lincoln è stata un’operazione avventata e mal gestita.

Il lettore segue da una parte i progressi dei carabinieri nell’indagine, dall’altra i meccanismi e le trame che regolano la criminalità locale e che la avvicinano alla politica e alle forze dell’ordine.

Il pregio del romanzo è di non creare eroi, ma raccontare persone realistiche, integrate in un sistema in cui non sempre si può ottenere giustizia, abituate alla violenza, stanche della violenza. L’immersione nel reale è anche data dal linguaggio, ricco di parlate dialettali (diverse però da quelle dei romanzi di Camilleri).


I cani di via Lincoln by Antonio Pagliaro ★★★☆

La piramide di fango by Andrea Camilleri

Standard

Ultimo romanzo su Montalbano che, a differenza dell’ultimo pubblicato “Un covo di vipere”, segue la linea cronologica impostata in “Una lama di luce”.

Diciamo subito che il romanzo è nella media, ben al di sotto di “Una lama di luce”, in cui Camilleri ha dato il là per importanti svolte nella vita privata del commissario.

L’omicidio e tutto quello che lo circonda – indagine ed eventi collaterali – sono piuttosto lineari e diverse punte d’ignegno di Montalbano (quei lampi improvvisi subito dimenticati ma essenziali per la soluzione dell’enigma) sono abbastanza intuibili dal lettore.

Per il resto abbiamo sempre Montalbano con la paura di invecchiare, Augello donnaiolo, Fazio preciso e competente ed il classico Catarella. Fa la sua comparsa telefonica anche Livia: l’avevamo lasciata reduce da un grave trauma psicologico (e con due prospettive possibili, lasciare Montalbano e la serie o riavvicinarsi molto al commissario), qui si inizia ad capire come potrebbe andare.

Per me (e penso per molti dei fedelissimi) ogni nuovo romanzo su Montalbano è da leggersi, ciofeca o meno, ad un nuovo lettore sconsiglio vivamente questi ultimi romanzi rispetto a quelli iniziali, molto più complessi e belli.

_______

La piramide di fango by Andrea Camilleri – ★★★