Two novels and the circus

Standard

Leggi questo articolo in Italiano

The circus may be loved or not – honestly I’m not a fan of the genre, maybe for the animal issue, maybe because clowns are creepy – but it is surely is an interesting setting for a novel.

I recently read 2 novels set in a circus, the former, “The night circus” by Erin Morgenstern is pure magic, consequently attractions are irreal and original, while the latter, “Pantomime” by Laura Lan, has the cirucs as a part of a more complex story (that developes in a series of novels). In this second case the circus is more similar to the ones we can find in reality: the commitment but also the multicultural society are well described.

Circus setting and description are better dealt with in “Pantomime”, the general plot and costruction of the novel are better in the “The night circus” (that also has a very nice cover).

Continue reading

Due romanzi ed il circo

Standard

Read this post in English

Il circo visto può piacere o meno – personalmente non sono una fan, vuoi per il trattamento degli animali un tempo, vuoi perchè i clown mi sono stucchevoli e inquietanti – ma sicuramente è un ambiente fascinoso: una realtà diversa ed estrema che può essere un’interessante ambientazione per un romanzo.

Recentemente ho letto 2 romanzi ambientati intorno ad un circo, il primo, “The night circus” di Erin Morgenstern è pura magia, di conseguenza le attrazioni sono qualcosa di irreale e nuovo, mentre il secondo, Pantomime di Laura Lan, ha il circo come punto di appoggio per una storia più complessa (e che infatti si sviluppa in una serie di romanzi). In questo secondo caso il circo è decisamente più simile a quelli che possiamo sperimentare realmente: l’impegno, la dedizione ma anche la multiculturalità e le ovvie tensioni tra persone dal carattere diverso.

Come descrizione del circo meglio “Pantomime”, come assetto generale del romanzo meglio “The night circus” (che ha anche una copertina deliziosa).

Continue reading