[ARC] The Lonely Hearts Hotel by Heather O’Neill

Standard

Read this post in english


E’ un errore scegliere questo romanzo per la magia decantanta dalla quarta di copertina.

Iniziamo col dire che The Lonely Hearts Hotel non è un romanzo per tutti: ci sono numerose scene di povertà, violenza e abusi molto grafiche; il romanzo si apre con una violenza su una ragazzina innocente e ci porta tra l’orfanotrofio e i bassifondi dove i due protagonisti si trovano a vivere.

Pierrot e Rose si incontrano da bambini in orfanotrofio, le loro strade poi viaggiano separate per molti anni fino alla riunione tanto attesa e alla realizzazione del loro spettacolo, The Snowflake Icicle Extravaganza. Forse però il parlare di due protagonisti è un po’ una bugia; i due si contrappongono per carattere e atteggiamenti, ma il fuoco della storia ruota intorno a Rose, l’unica dei due che cerca una realizzazione personale.

The Lonely Hearts Hotel per me è soprattutto un romanzo sulla condizione femminile nel primo ‘900 a Montreal: donne trascurate e sempre sfruttate, che siano povere prostitute o ricche mogli o amanti. E Rose ne è consapevole fin da bambina – l’invezione dell’orso immaginario – ma sceglie di non accettare questa condizione, per questo Pierrot è perfetto per lei, perchè è l’unico che la ama così tanto da consentirle di essere libera.

The lonely hearts hotel è il punto di arrivo della storia, che si articola in soggiorni in numerosi hotel i cui nomi riflettono lo stato dei personaggi e le loro emozioni.

E’ un romanzo dai temi forti sviluppati con un linguaggio lirico e a volte immagini non convenzionali (Rose e Pierrot in fondo sono due clown), però se lo si legge cercando la magia di altri romanzi (come The Night Circus) si rischia di rimanere delusi e di non apprezzarlo per come merita.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* The Lonely Hearts Hotel by Heather O’Neill ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

Advertisements

[ARC] The Lonely Hearts Hotel by Heather O’Neill

Standard

Leggi questo articolo in italiano


It’s an error to choose this novel for the magic described in the cover summary.

Let’s start by saying that The Lonely Hearts Hotel is not a novel for everyone: there are numerous graphic scenes of poverty, violences and abuses. The story opens with a little girl who is raped and it brings us among orphans and in the downtown where the two main characters end up living.

Pierrot and Rose meet in orphanage, then their life diverge for some years till the great reunion and the realization of their show, The Snowflake Icicle Extravaganza. Again, maybe speaking about two protagonist is kind of lie: Rose and Pierrot are very different for the way they behave, and the story is more focused on Rose, the only of them who always is working for a personal realization.

The Lonely Hearts Hotel in my opinion is mostly a book about the women condition at the beginning of 1900 in Montreal: the women were neglected and always exploited, either they were poor prostitutes or rich wives and lovers. And Rose is aware of this since her childhood – the idea of the imaginary bear – but she chooses not to accept it and to work towards something different. In this sense Pierrot is the perfect man for her, because he loves her so much to allow her to be free.

The lonely hearts hotel is the ending point of the story, that develops in various hotel which names reflects the life of the characters and their emotions.

It’s a novel about strong themes that are dealt in a lyric and with sometimes unconventional images (Rose and Pierrot are always clowns), but reading it in search of the magic of other novels (like The Night Circus) is doubly wrong because of disillusioned expectation and the inability to see this novel strong points.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* The Lonely Hearts Hotel by Heather O’Neill ★★★★☆

*I read this book in english