[ARC] Lovecraft’s Monsters by Ellen Datlow

Standard

Read this post in English

Questa raccolta di racconti di vari autori – alcuni ben noti – è basata, come dice il titolo stesso, sui mostri creati dall’immaginario di Lovecraft.

Il libro soffre il problema comune a tutte le raccolte: non tutti i racconti saranno mai ad uno stesso livello, quindi ci saranno sempre storie che piacciono di più ed altre che deludono.
Forse anche il riprendere Lovecraft non aiuta l’insieme: chi conosce l’autore può rimanere deluso da alcune ispirazioni che ne sono derivate (così come mi ha deluso Neonomicon).

Il volume è comunque molto ben strutturato: racconti più brevi sono alternati ad altri più lunghi ed a separare ogni racconto sono presenti illustrazioni molto evocative.
Nel complesso ho apprezzato molto anche le due poesie contenute nel testo, un mezzo differente dal solito per parlare di orrore. Mi è inoltre piaciuta la parte conclusiva contenente l’elenco di tutti i mostri utilizzati nelle storie, con tanto di spiegazione ed origine.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per stendere questa recensione.

_______

* Lovecraft’s Monsters by Ellen Datlow ★★★☆☆

*Ho letto questo libro in Inglese

Signore e signorine: corale greca by Beatrice Masini

Standard

le voci segrete
che nessuno sente
le voci delle donne
le parole che non si leggono nei poemi
le parole che i poeti non vogliono
che loro non sanno

In questo libro – che romanzo non è, più una raccolta di racconti accumunati da scopo e premesse – l’autrice dà voce alle protagoniste di miti e drammi della tradizione greca.

Tutte le donne protagoniste di miti, ma che li hanno in qualche modo subiti, visto che l’azione – e la decisione – toccava agli uomini, hanno la possibilità di raccontare il proprio punto di vista mentre al lettore è data quella di osservare il poema da un altro angolo, non quello della guerra, dell’uomo protagonista ed eroe, ma da quello di coloro che aspettavano e che vedevano la propria sorte mutare per il volere altrui.

Una raccolta scorrevole e molto interessante: ogni voce è preceduta da un riassunto che contestualizza la vicenda raccontata; è sicuramente più godibile se si conoscono i poemi e miti che sono la base su cui sono costriute le parole delle donne protagoniste, non è sicuramente necessario conoscerli a menadito, però averne almeno un vago ricordo aiuta.

L’ispirazione per la lettura me l’ha fornita il suggerimento de La città dei libri sognanti.

_______

Signore e signorine: corale greca by Beatrice Masini – ★★★★☆