Salt to the Sea by Ruta Sepetys

Standard

Leggi questo articolo in italiano


1945, WWII. The area of East Prussia and Poland is between two fronts: on one side the German army and on the other the Russian one. The area is crossed by refugees who try to survive. The final goal is reaching the Gotenhafen port, in order to board one of the ship assigned to the rescue of civilians and wounded soldiers.

The author proposes different point of views from four young adults, Johana, a medical trainee from Lithuania, Florian, a german soldier, Emilia a fifteen years old from Poland and Alfred, a sailor working at the harbour for people evacuation. Reading four voices allows the reader to have a broader view on the historical situation in the east Europe (Poland oppressed by the two factions, the art thief by Nazis Germany,.. ) and multiple voices narrating the Wilhelm Gustloff’s tragic story, an event few know about, but dramatic for the amount of people involved.

Lots of WWII events are known by a minority, and this novel is able to fill some of this need for knowledge. The idea of alternating the protagonists’ voices and structuring the narration in short chapters give rhythm to the novel, the outcome is that the reader is more involved in History than in the single character’s story: it’s difficult to feel for characters we know a few about (or ones who seem quite suspicious).

By Ruta Septys I’ve read (and liked a lot), Out of the easy, that was set in 1950 New Orleans.


* Salt to the Sea by Ruta Sepetys ★★★★☆

*I read this book in english

Ci proteggerà la neve by Ruta Sepetys

Standard

Read this post in english


1945, Seconda guerra mondiale. La zona della Polonia e della prussia dell’est è stretta tra due fronti: da una parte i tedeschi e dall’altra i russi. In mezzo un’area contesa attraversata da rifugiati che cercano di sfuggire agli scontri. Obiettivo è il porto di Gotenhafen, per imbarcarsi su una delle navi deputate al salvataggio di civili e soldati feriti.

L’autrice ci propone quattro punti di vista differenti: Johana, giovane assistente medico dalla Lituania, Florian, un soldato tedesco, Emilia una giovane polacca e Alfred, un marinaio al lavoro al porto per l’evacuazione dei civili. La presenza di quattro voci consente al lettore di avere una visione più ampia della situazione storica nella zona a est della Germania (la Polonia stretta tra l’avanzata dei due eserciti e oppressa da entrambe le fazioni, i furti d’arte della Germania, …) e un coro che narra la tragica vicenda della Wilhelm Gustloff, molto poco nota ma drammatica per il numero di persone coinvolte.

Della seconda guerra mondiale molti eventi sono poco noti, e questo romanzo consente di colmare alcune di queste mancanze. La scelta di alternare le voci dei protagonisti e di strutturare la narrazione in capitoli brevissimi dà ritmo al romanzo, il risultato è che poi si è coinvolti più dal fatto storico che da quello di pura finzione: è difficile empatizzare con personaggi di cui si conosce poco (o contro cui lo stesso romanzo sembra metterti in guardia).

Dell’autrice avevo già letto, apprezzandolo, Una stanza piena di sogni, ambientato però nella New Orleans degli anni ’50.


* Ci proteggerà la neve by Ruta Sepetys ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese