[ARC] Shattered Girls (Broken Dolls #2) by Tyrolin Puxty

Standard

Read this post in english


Shattered Girls di Tyrolin Puxty è il seguito di Broken Dolls; le protagoniste sono Ella e Gabby, la prima la bambola “viva” di cui abbiamo scoperto origine e storia nel primo volume della serie, e la seconda la sua proprietaria umana, bambina nel volume precedente, ora adolescente.

All’inizio di Shattered Girls assistiamo alla scoperta dell’esistenza di Ella da parte dei compagni di classe di Gabby (che comunque credono sia una bambola robot), e la storia principale ha inizio qualche anno dopo: diverse persone spariscono misteriosamente mentre iniziano ad apparire in commercio bambole molto simili ad Ella, che le due protagoniste capiscono essere esseri umani, e non giocattoli evoluti.

Cercando l’aiuto del nonno scienziato e di alcuni personaggi già conosciuti nell’episodio precedente le due cercheranno di risolvere la situazione.

Shattered Girls è stata una lettura deludente: il romanzo è concentrato sui problemi adolescenziali di Gabby, e tra l’umana e la bambola è una gara a chi riesce a rendersi più infantile e insopportabile.

Il romanzo precedente aveva il pregio di un’atmosfera inquietante e il mistero alla base rendeva il romanzo avvincente, qui purtroppo non abbiamo niente del genere, e la lettura è risultata faticosa e annoiata, un vero peccato viste le premesse poste con Broken Dolls (che avrebbe funzionato bene anche come stand alone).

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* Shattered Girls by Tyrolin Puxty ★★☆☆☆

*Ho letto questo libro in inglese

Advertisements

[ARC] Shattered Girls (Broken Dolls #2) by Tyrolin Puxty

Standard

Leggi questo articolo in italiano


Shattered Girls by Tyrolin Puxty is the book following Broken Dolls; the main characters are Ella and Gabby, the former an “alive” doll we meet in the first book, and the latter her human owner, a child in the previous book and now a young adult.

At the beginning of Shattered Girls Ella’s existence is discovered by Gabby’s classmates (they will belive Ella to be a robot), and the main story begins some years later: people begin to disappear and new dolls are sold in stores, dolls very similar to Ella, and the two protagonist soon understand that they can be human beings, and not technological toys.

They will seek the help of Gabby’s grandfather  – the scientist who create Ella in the first place – and of other character from the previous book in order to save the day.

Shattered Girls is a disappointing book: the novel is focused on Gabby’s adolescent issues, and the protagonists compete in “who is the most annoying character”.

The first book had a creepy setting, and the mystery in the background made the novel engaging, here there is nothing like that, and I found difficult to go on reading the story, too bad since the premises made by Broken Dolls (that could have easily been a stand alone novel).

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* Shattered Girls by Tyrolin Puxty ★★☆☆☆

*I read this book in english

[ARC] Sleeping Giants (Themis Files #1) by Sylvain Neuvel

Standard

Una mano gigante emerge dal terreno in Sud Dakota, e nsce di conseguenza un misterioso programma volto al recupero delle altre parti di quello che appare come un robot gigante.

Nel progetto sono coinvolti scienziati, piloti e militari, il tutto orchestrato da un misterioso personaggio di cui il lettore non conosce mai l’identità. La narrazione Sleeping Giants si sviluppa unicamente grazie alla trascrizione degli incontri di questo misterioso soggetto con i vari personaggi coinvolti operativamente nel ritrovamento e uso del robot.

Sleeping Giants parte bene con una storia avvincente e la scelta di una narrazione non convenzionale in cui pecca solo alcuni interventi di personaggi che escono dalla caratterizzazione costruita precedentemente. Onestamente trovo però il finale piuttosto affrettato e confuso, e così tanto orientato a costruire una serie.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per stendere questa recensione.

_______

A giant hand emerges from the ground of South Dakota, and consequently a secret program is born to recover all the remaining parts of what seems to be a giant robot.

In the project are involved scientist, pilots and military, but everything is subtly managed by a mysterious man, whose identity is unknown to the reader. The narration in Sleeping Giants develops thanks to the transcription of the interviews carried on by this man with the other people of the staff.

Sleeping Giants begins as an engaging story build on an unconventional narration where the only faults are some declaration out of character. In the end however it becomes too fast and confused, and maybe too much willing to set the idea of a series of books.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.

_______

Sleeping Giants by Sylvain Neuvel ★★★☆

[ARC] Tin Stars (Descender #1) by Jeff Lemire

Standard

Tin Stars è il primo volume che raccoglie 6 Capitoli della serie Descender.

Quando mi capita la possibilità di leggere graphic novel fantascientifiche ho sempre paura di incappare nella storia banale o già vista, ma con Descender non ho avuto questo problema.

Nel futuro i robot sono un elemento chiave della vita di tutti i giorni, ma, quando il pianeta viene attaccato da una forza robotica nemica, inizia lo smantellamento e la distruzione dei robot “amici”. Anni dopo l’attacco, su una colonia di minatori, si risveglia Tim, unico sopravvissuto alla morte degli abitanti della colonia e che scopriamo essere un robot che offre il potenziale per sconfiggere le forze nemiche. Una squadra di soldati mandati dal concilio si affretta al recupero, ma gli imprevisti incombono sulla loro avventura.

In Descender si sviluppa una storia credibile e avvincente, che prende le basi dalla fantascienza classica e integra diversi elementi (robot, alieni, space opera) in modo lineare e coerente.

Anche per quanto riguarda la parte grafica nulla da eccepire, la scelta di utilizzare immagini acquerellate funziona e dà risalto ai toni umani ed emotivi della storia: il robot che vorrebbe essere un bambino vero, lo scienziato e i suoi sensi di colpa, l’integrazione ormai impossibile tra la realtà umana e quella robotica.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per stendere questa recensione.

_______

Tin Stars is the first volume that collects  Descender’s issues #1- #6

When I have the chance to read sci-fi graphic novels I want something new and with a strong plot; Descender seems to have all this pros and it was a very pleasant read.

In the future robots are diffused in everyday life, but when the planets face the attack of an evil robot army the general feelings about robots change abruptly; bots are destroyed and dismissed. Years after the attack, on a mining colony, Tim wakes up, the only survivor of the colony and one of the last functioning robot that may have the potential to help in the war. A group of soldiers are then sent to retrieve Tim, but their adventure is not so easy.

Descender develops a credible and engaging story that takes its origin in the classic sci-fi and that integrates various elements (robot, aliens, space opera) coherently and linearly.

Also I liked the graphic component and the choice to use watercolors images works with the story, and in particular with the emotional components: the robot that wants to be a human, the scientist and his faults, the almost impossible integration between humans and robots.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.

_______

Tin Stars by Jeff Lemire ★★★★☆½

Lord of All Things by Andreas Eschbach

Standard

Il rapporto tra Hiroshi e Charlotte sembra voluto dal destino. Conosciutesi in Giappone da piccoli, lei figlia dell’ambasciatore francese, lui figlio di una lavandaia dell’ambasciata, diventano subito amici, attratti l’uno dall’altra. Lui da quella bambina capace di parlare subito una lingua sconosciuta, lei da quel bambino serio, capace di aggiustare le cose.

Il destino farà sì che Hiroshi e Charlotte incrocino i propri passi anche da adulti, avvicindandosi e allontanandosi, divisi dalle proprie scelte. Lei con un occhio sempre al passato, grazie alla sua abilità di vedere l’origine delle cose, lui con lo sguardo puntato a un futuro in cui la scienza colmerà il divario tra ricchi e poveri. Lei in balia di diversi amori, lui devoto all’unico amore della sua vita.

Lord of All Things è un meraviglioso romanzo in cui l’autore, tramite Hiroshi e Charlotte, parla delle ingiustizie sociali e delle potenzialità offerte dalla scienza, sfociando nel paranormale e nella fantascienza per spiegare il ruolo dell’uomo nell’universo e sulle nostre origini.

L’autore sceglie di non entrare eccessivamente nei tecnicismi, rendendo il romanzo appetibile a tutti i palati, e non ai soli affezionati della sci-fi, e coniuga diversi generi narrativi senza che la trama perda di coerenza.

E’ bella la costruzione della storia, ed è bella la storia di Hiroshi e Charlotte, che non manca di coinvolgere il lettore. Il risultato è un bellissimo romanzo difficile da dimenticare.

_______

The relation between Hiroshi and Charlotte seems to be meant. They met in Japan as children, she the daughter of the French ambassador, he son of a worker in the embassy laundry, and they become friends. He is attracted by that girl able to speak a foreign language easily, she by that serious boy, able to fix things.

The destiny makes Hiroshi and Charlotte paths cross also as adults, getting closer and further, divided by their own choices. She with a focus on the past, thanks to her ability to see the origin of things, he looking always to a future when science will be able to fill the gap between rich and poor. Charlotte and her many lovers, Hiroshi devoted to the a single person.

Lord of All Things is a wonderful novel where the author, by means of Hiroshi and Charlotte, speaks about social disparities and the potential of science, with paranormal and sci-fi elements to talk about the origin of humanity and it’s means.

The author choses to avoid technicalities, and this makes the novel suitable for any reader and not to the only sci-fi lovers. The novel also puts together some narrative genres without losing in coherence.

The overall novel is beautiful and hard to forget, and it is also nice the story of Hiroshi and Charlotte, able to engage the reader.

_______

Lord of All Things by Andreas Eschbach ★★★★★

Pinocchio by Winshluss

Standard

Questo Pinocchio, liberamente tratto dal testo di Collodi, è ancora più cattivo del testo originale (che non è per bambini).

Geppetto ha inventato un robot per la distruzione di massa, ma, colpa dell’aria da inventore pazzo e di uno scarafaggio inconcludente, non riuscirà a presentarlo tanto presto all’esercito; nel mentre Pinocchio incontrerà imbroglioni, ragazzi in cerca del paradiso dei bambini e catene di montaggio che sfruttano i bambini.

Winshluss affresca il peggio della società – perchè non parla di nulla che non sia vero – anche reinventando altre storie, come quella di Biancaneve.

Le diverse linee narrative si incastrano alla perfezione in questa graphic novel silenziosa (gli unici pezzi parlati sono quelli con protagonista lo scarafaggio che abita nella testa del robottino), ma di estremo impatto sia per grafica che per la storia stessa.

_______

This Pinocchio, loosely based on Collodi’s one, it’s more hard than the original text (that it is not for children).

Geppetto invented a small robot for mass destruction, but, because of his crazy inventor appearance and of a lazy cockroach, he won’t be able to present it so soon to the army; in the meanwhile Pinocchio will meet con artists, boys who are looking for paradise and industries that exploit child work.

Winshluss paints the worst of our society – because he does not tell anything not true – also by reinventing some stories, like Snow White’s.

The narrative paths are perfectly synchronized in this silent graphic novel (the only talked parts are the ones about the cockroach that lives in Pinocchio head), but extremely powerful both for graphic and the story itself.

_______

Pinocchio by Winshluss ★★★★★

How to say goodbye in robot by Natalie Standifod

Standard

Read this post in English

Beatrice si è traferita da poco in una nuova città a causa del lavoro del padre, ricercatore e professore.

Il cambiamento ha portato diversi effetti collaterali: la madre di Bea sembra essere più strana, emotiva ed infelice.

Bea invece sembra integrarsi bene nella nuova scuola in cui conosce Jonah, detto ghost boy per via del suo distacco da tutto quello che interessa gli altri adolescenti. Bea e Jonah diventeranno ben presto amici e buoni ascoltatori di un programma radiofonico che raccoglie persone molto particolari ed a loro modo sole.

Il romanzo copre l’ultimo anno scolastico prima del college, durante il quale Bea arriverà a capire il motivo della stranezza di Jonah così come quello della propria madre.

Ho trovato difficile empatizzare per i personaggi protagonisti, intanto perchè trovo le loro emozioni descritte ma non giustificabili da tempi e situazioni: lo struggimento – e la profonda amicizia – di Bea per Jonah sono poco credibili dato che il lettore vede solo incontri sporadici e pochi momenti di confidenza; Jonah quando esterna le proprie emozioni sembra ben più instabile emotivamente rispetto al personaggio razionale che mostra di essere e Bea, proiettata su sè stessa, fa mostra di egoismo ed indifferenza verso la madre, chiaramente in difficoltà.

In conclusione è una lettura carina che però non dà mostra di grande spessore.

_______

* How to say goodbye in robot by Natalie Standifod ★★★

*Ho letto questo libro in Inglese