Parable of the Sower by Octavia E. Butler

Standard

You Change.
All that you Change
Changes you.
The only lasting truth Is Change.
God Is Change.

Ben prima che la cli-fi andasse così di moda (e prima che fosse definita con questo termine), Octavia E. Butler ha scritto questo romanzo che prende spunto da una crisi climatica e economica, mettendo a fuoco la situazione nella parte occidentale degli Stati Uniti (cosa che fa anche Paolo Bacigalupi con The water knife).

Le comunità, a seguito della crisi sociale, si sono strette in quartieri circondati da muri protetti con il filo spinato per evitare l’ingresso dei più poveri e violenti.

In uno di questi gruppi vive Lauren Olamina, figlia di un pastore che è anche un punto di riferimento della comunità in cui vivono. Il romanzo segue la vita di Lauren e le sue perplessità rispetto alla situazione e al futuro: la ragazza ha capito che il modello di vita a cui aspirano di tornare i genitori non è fattibile vista la situazione sociale e economica.

Lauren allora inizia a riflettere e a sviluppare un nuovo credo, il seme della terra, che costruisce sulla base delle esperienze vissute, delle scelte fatte per sopravvivere e della situazione drammatica che la circonda.

La parabola del seminatore è un romanzo di fantascienza solido, molto ben costruito sia per personaggi che per trama, ricchissima di colpi di scena e evoluzioni.

_______

Long before the cli-fi was fashionable (and before it was defined this way), Octavia E. Butler written this novel that begins with the economical and climatic crisis, with a focus in the west USA area (the same the  Paolo Bacigalupi does with The water knife).

Due to social crisis the communities are bound to quarters surrounded by walls with barbed wire, to avoid poorest and violent people to come in.

In one of these groups lives Lauren Olamina, a minister’s young daughter. Her father is also one of the reference of the community they live in. The novel follows Lauren’s life and her uncertainties about the future: she understood that the life model her parents long to is impossible for the situation they live in.

Lauren begins then reasoning and developing a new faith, Earthseed, that she builds from experiences, choices done to survive and the dramatic situation around her.

Parable of the Sower is a solid science fiction nove, very well-built both for characters and plot, rich in turn of events.

_______

Parable of the Sower by Octavia E. Butler ★★★★☆

L’uomo di Marte by Andy Weir

Standard

Read this post in english


Dal 2013 L’uomo di Marte stava quieto nel mio kindle: questo romanzo indie ha fatto in tempo a diventare famoso e ad essere opzionato per un film (regista Ridley Scott) prima che mi saltasse agli occhi.

 

L’uomo di Marte by Andy Weir

The martian è stato una grande scoperta – che denota anche la mia lungimiranza negli acquisti libreschi; la storia di Mark Watney, astronauta creduto morto ma invece abbandonato per errore vivo su Marte, non può non risultare appassionante.

La storia è ben costruita: il lettore ha modo di seguire i progressi di Watney tramite i log che registra sul computer a disposizione, ma anche quanto avviene alla NASA e su Hermes, su cui stanno tornando i compagni di missione di Mark.

E’ uno degli esempi più palesi di hard science fiction: Mark non tralascia dettagli tecnici nei suoi log, e lo seguiamo mentre modifica la strumentazione a sua disposizione per sopravvivere. Il lettore avrà modo di conoscere nel dettaglio ossigenatori, regolatori d’aria, tecniche di coltivazione su Marte e così via. La bravura dell’autore sta proprio nel rendere il romanzo, così dannatamente tecnico, incredibilmente avvincente.

Mark è un personaggio ben riuscito, capace di affrontare una situazione disperata con il giusto ottimismo e spirito, ed è affiancato da personaggi relativamente minori (il romanzo in molte parti è praticamente un lungo monologo del protagonista) ma comunque ben caratterizzati (forse alcuni dei meno riusciti sono alcuni membri della missione Ares 3, anche a causa del poco spazio concesso).

Non è un romanzo perfetto, alcune parti entrano troppo nei dettagli tecnici per essere apprezzate appieno, ma è comunque una storia che tiene attaccati fino all’ultima pagina, che commuove e che ci parla anche del bello dell’umanità: la spinta verso la scoperta scientifica e quella per aiutare un altro essere umano in una situazione disperata.

 


* The Martian by Andy Weir ★★★★☆

*Ho letto questo libro in Italiano

The Martian by Andy Weir

Standard

Leggi questo articolo in italiano


Since 2013 The Martian was quiet in my kindle: it had time to become famous, to be chosen to become a movie (director Ridley Scott) before I noticed it.

The Martian by Andy Weir

The Martian was to me a great discovery – which denotes my foresight in book purchase; the story of Mark Watney, astronaut believed death but instead left alive by mistake on Mars, is very thrilling.

The story is well-built; the reader follows Watney’s progress by the log he writes or records in the available computer, but also he is able to follow what happens at the NASA and on Hermes, the spaceship where Mark’s crew mates are coming back to Earth.

This is one of the most obvious examples of hard science fiction: Mark does not omit technical details in his logs, and we follow him while he makes modification to the available instruments. The reader will come acquainted with the oxygenator and air regulator, with agricultural techniques on Mars and so on. Andy Weir’s skill is making so engaging such a technical novel.

Mark is a character that works, able to face a desperate situation with optimism and humor, and he is surrounded by minor characters (the novel in some parts is like a long main character monologue) that are well-built (a part from some of the Ares 3 mission crew mates, mostly for the few space they have).

It’s not a perfect novel, sometimes it goes too deep in technicalities to be fully appreciated, but it is a page turner, able to move the reader, that talks also about the good about humanity: the drive to the scientific discoveries and the one to help another human being in a desperate situation.


* The Martian by Andy Weir ★★★★☆

*I read this book in english

[ARC] The Garden of Darkness by Gillian Murray Kendall

Standard

Una pandemia senza cura colpisce il pianeta, la malattia colpisce adolescenti ed adulti ed è letale. Un tentativo di curarla ha mutato i pazienti trattati in persone spietate assetate di sangue e violenza.

In questo panorama si muovono la quindicenne Clare e Bear (il suo cane) e Jem assieme ad un gruppo di bambini verso l’abitazione del Maestro, l’unico uomo sopravvissuto e che comunica continuamente via radio di possedere la cura definitiva. Il gruppo di ragazzi è in lotta contro il tempo: Clare mostra già i segni del contagio e man mano che passa il tempo aumentano le probabilità di contrarre la malattia e morire.

Ho trovato il romanzo molto valido nelle parti dedicate alla sopravvivenza dei ragazzi in un mondo ostile e mutato (città svuotate, pericoli derivanti dagli incontri con potenziali curati) e nei capitoli iniziali dedicati al Maestro (che il lettore capirà subito essere in fin dei conti uno psicopatico). Purtroppo la parte conclusiva, estremamente ingenua, abbassa il livello dell’intero romanzo che è, quasi fino alla fine, molto gradevole.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per stendere questa recensione.

_______

A pandemic without cure decimated the planet, the grown ups who take this illness dies. A cure was developed but it was a failure, the Cured become ruthless killers in want of blood and violence.

In this world travel the fifteen year old Clare and Bear (her dog) and Jem with a group of children, they want to reach the Master’s home. The Master is the only man who survived and who keeps on telling via radio that he owns a new way to be cured. The children have to hurry: Clare shows the first sign of the Pest and the chance to get sick and to die increase.

I think the novel is very well-built in the parts where the children struggle to survive in a new, hostile world (empty cities, dangers from Cured people, …) and in the first chapter where the Master is introduced (and where the reader understand that he is a psychopath). Unfortunately the ending is very naive and it compromise the whole novel that could have been good.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.

_______

The Garden of Darkness by Gillian Murray Kendall ★★★

 

 

La quinta onda by Rick Yancey

Standard

Read this post in English

Il pianeta Terra è minacciato da una invasione aliena: quattro ondate di distruzione per sterminare la popolazione e si avvicina il momento della quinta.
Il romanzo segue la devastazione con gli occhi di alcuni protagonisti, principalmente quelli di Cassie, con l’obiettivo di ritrovare il fratellino, ma anche con quelli di Evan, di Sammy e di Ben, di cui Cassie era invaghita durante le scuole.

L’ambiguità dell’invasione aliena è costruita bene, il lettore non sa mai se fidarsi dei diversi personaggi di contorno (saranno alieni? saranno solo traditori?) e ci sono anche diverse scene di azione incalzanti; purtroppo ha anche diversi difetti.
Cosa non mi ha convinto: in un paesaggio devastato in cui si muore a ogni passo e in cui – citando i protagonisti – “non devi fidarti di nessuno” tutti si fidano abbastanza tranquillamente di tutti; la protagonista Cassie che da timida adolescente muta in modalità Rambo, l’ingenuo fratellino Sammy (che mi ha irritato quanto il fratello di Mila in Mila & Shiro), la triste visione di un possibile triangolo amoroso nei seguiti (ma non se ne può fare a meno? E poi paragonano il romanzo a Ender’s Game – shame on them!) e le incongruenze nella trama (ma se il virus letale ha decimato gli umani perchè non ha decimato anche gli alieni nei corpi umani? In fondo gli alieni sono solo pura coscienza).
Quindi in fin dei conti interessante tenendo comunque conto che le riflessioni sulla condivisione di diverse razze aliene sono qualcosa di già visto in altri romanzi.

_______

* La quinta onda by Rick Yancey – ★★☆☆☆½

*Ho letto questo libro in Inglese

Beauty Queens by Libba Bray

Standard

Read this post in English

Un aereo carico di reginette di bellezza si schianta su un’isola – apparentemente – deserta: toccherà alle ragazze il compito di salvarsi (senza l’aiuto di principi azzurri).

Beauty Queens è un romanzo divertente che parodizza, portandoli agli estremi, i comportamenti tipici delle reginette; durante la permanenza sull’isola però il carattere delle ragazze emerge e le beauty queens iniziano a condividere idee e sogni – e un certo malcontento verso i concorsi di bellezza.
Il romanzo riesce a trattare tematiche più profonde senza perdere di ironia.

La parte iniziale è sicuramente quella meglio riuscita, sia per l’idea di inserire i Fun facts e utilizzare il punto di vista di una ragazza diversa ogni capitolo, sia per la presa di consapevolezza delle reginette che iniziano a cambiare atteggiamento.
L’ultima parte, più ricca di azione, è forse troppo concitata e con personaggi troppo parodistici per risultare credibili.
Le interruzioni pubblicitarie sono un’altra buona idea, le note a pie di pagina sono un’idea interessante ma sono un po’ troppe (e molto difficili da seguire in una edizione digitale).

_______

* Beauty Queens by Libba Bray ★★★★☆

*Ho letto questo libro in Inglese