[ARC] The Immortalists by Chloe Benjamin

Standard

Leggi questo articolo in italiano


New York, end of the sixties. The four Gold siblings, as a game, to show their courage, decide to visit a sensitive able to tell when a person will die.

From this point of the novel, on, we will follow singularly the lives of Simon, Klara, Daniel and Varya, in a sort of passing the baton game.

The four of them start completely different paths, and this allows the author to describe different lifestyles and historical events: the AIDS, the life as con artists, USA post 9/11, the animal used in research, OCD syndrome.

The theme that connects all the stories, and that is the backbone of the whole novel, is the opposition between destiny and free will: the Gold’s lives would have been different if they did not visit the sensitive? With respect to this thematic, the most interesting story is Klara’s the one who wants to be more powerful than destiny, her being always balance between reality and illusion.

The immortalist is a nice novel, in which some episodes are way better than the other ones because they are more focused on the main theme and not “distracted” by other events.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* The Immortalists by Chloe Benjamin ★★★☆☆

*I read this book in english

Advertisements

[ARC] The Immortalists by Chloe Benjamin

Standard

Read this post in english


New York, fine anni ’60. I quattro fratelli Gold, un po’ per gioco, un po’ per dimostrare di essere coraggiosi, decidono di incontrare una sensitiva in grado di predire la data della loro morte.

Da questo momento del romanzo in avanti seguiamo la vita di Simon, Klara, Daniel e Varya singolarmente, in un continuo passaggio di testimone.

I quattro fanno scelte completamente opposte, e questo elemento della storia dà modo all’autrice di parlare di diversi stili di vita ed eventi storici: l’AIDS, la vita di artisti da strada, l’America post 11 settembre, l’utilizzo di animali nella ricerca, i disturbi ossessivo compulsivi.

Il tema che collega tutte queste vicende, e che fa poi da scheletro a tutto il romanzo, è l’opposizione tra destino e libero arbitrio: se i Gold non avessero visitato la sensitiva, sarebbe cambiato qualcosa nelle loro vite? Rispetto a questo tema la vita più interessante è quella di Klara, decisa a essere più potente di un ipotetico destino, sempre in bilico tra la realtà e l’illusione.

In sostanza The immortalist è un romanzo gradevole, in cui alcuni episodi spiccano anche perchè più focalizzati sul tema portante e meno “distratti” da altre tematiche.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* The Immortalists by Chloe Benjamin ★★★☆☆

*Ho letto questo libro in inglese