The Left Hand of Darkness by Ursula K. Le Guin

Standard

La mano sinistra delle tenebre è uno dei romanzi più noti dell’autrice Ursula K. Le Guin, e le è valso i premi Hugo e Nebula.

Nella prefazione l’autrice definisce cos’è per lei la fantascienza, che non è tanto l’invenzione, quanto la descrizione di qualcosa di esistente ma in un contesto diverso.

Il romanzo è ambientato sul pianeta Inverno, popolato da una razza di umani ermafroditi e caratterizzati da un particolare ciclo della sessualità. Genly Ai, ambasciatore di una federazione costituita da circa ottanta pianeti, è in visita per convincere anche il pianeta Inverno a unirsi per godere di vantaggi commerciali.

L’invenzione della storia è in questo caso funzionale a descrivere le difficoltà di comunicazione e integrazione tra due razze differenti. Genly Ai fatica a comprendere gli abitanti del pianeta perchè è troppo abituato alla sua idea di sessualità (con sessi ben definiti e immutabili), mentre le persone di potere che incontra non riescono a considerarlo loro pari (per via del fatto che Genly Ai mantiene costantemente il sesso maschile, una perversione secondo gli standard di Inverno) e cercano unicamente di manovrarlo all’interno dei giochi di potere locali.

Ho trovato molto interessanti e coinvolgenti le parti del romanzo dedicate al tema della comunicazione (o non comunicazione), mentre ho trovato piuttosto lente quelle più descrittive; la struttura del romanzo è comunque molto ben curata e sono presenti anche rimandi a leggende e storie mitiche del pianeta Inverno.

_______

The Left Hand of Darkness is one of the most famous novels wrote by Ursula K. Le Guin, and it also won the Hugo and Nebula Awards.

In the preface the author defines what science fiction is for her: not the invention in itself, but the description of something that already exists but in another context.

The novel is set on the planet Winter, whose habitants are almost human except they are hermaphroditic with a particular sexual cycle. Genly Ai, human and embassador of a federation of about eighty planets, is visiting Winter with the aim of its annexation in the federation that could bring various commercial advantages.

In this novel the story is functional in describing the issues in communication and integration between two different races. Genly Ai does not understand Winter’s people because he is bound to his idea of sexuality, while the powerful people he meets do not consider him their equal (since Genly Ai is permanently male, a perversion for Winter standards) and so they only try to manipulate him in their local games of power.

I found interesting the parts of the book about communication (or non-communication), but I think that some descriptions are extremely slow-paced. The novel structure is however well-built, since it contains also reference to Winter old legends and stories.

_______

The Left Hand of Darkness by Ursula K. Le Guin ★★★☆☆

Advertisements

Moominland & Tove Jansson

Standard

Image from Wikipedia

Non tutti i troll sono esseri malvagi e sgradevoli, questo ci insegna Tove Jansson, scrittrice finlandese e creatrice di un mondo meraviglioso, la valle dei Moomin.

I Moomin sono troll gentili, simili a ippopotami e dalla pelliccia morbida e vellutata, abitanti della valle insieme ad altre creature fantastiche. La scrittrice ha dato vita a diverse storie per bambini con questi personaggi, a cui ci si affeziona facilmente.

Proseguendo vi parlo di due avventure, una estiva e una – la mia preferita in assoluto – invernale.

_______

Not every troll is evil and ugly, this is what Tove Jansson tells us, by creating a series of stories set in a wonderful world, the Moomin valley.

The Moomin are gentle trolls, similar to hippopotamus and with a soft, velvet skin, that lives in the valley with other fantastic creatures. She wrote different children stories with these characters, that are very likeable.

In this post I talk about two adventures, a summer and a winter one (the latter is my favourite).

Continue reading

The wind in the willows by Kenneth Grahame

Standard

Leggi questo articolo in Italiano

In the wood, near the river, we can meet a group of animals and follow their adventures: Mole, Ratty, Mr. Toad and Mr. Badger.

Mole, a shy creature, meets at the beginning of the book Ratty who becomes his friend, so much Mole decides to live near the river with him. This way Mole has the chance to meet other animals, like Mr. Toad, rich and with a particular love for motor cars (despite his awful driving style), and the solitary Mr Badger.

The book contains sequential stories and it’s very nice since the stories contains a certain irony. A shame the fact I read it in a free edition without illustrations, I recommend reading an illustrated version to become a part of that world.

_______

* The wind in the willows by Kenneth Grahame ★★★★☆½

*I read this book in English

Il vento tra i salici by Kenneth Grahame

Standard

Read this post in English

Nel bosco, vicino al fiume, possiamo fare la conoscenza di un gruppo di animali e seguire le loro avventure: Talpa, Topo d’acqua, Rospo e Tasso.

Talpa, creatura timida, incontra all’inizio del romanzo il Topo d’acqua con cui fa amicizia, tanto da decidere di vivere con lui presso il fiume. Inizia così per Talpa l’occasione di conoscere personaggi particolari, come Rospo, benestante ed appassionato di automobili (nonostante la sua pessima guida), ed il solitario Tasso.

Il libro, strutturato in una serie di racconti sequenziali, è molto gradevole: le storie sono raccontate anche con una certa dose di ironia. Un peccato averlo letto nella versione gratuita senza illustrazioni, è un delizioso insieme di racconti per ragazzi e consiglio la lettura di un’edizione illustrata.

_______

* The wind in the willows by Kenneth Grahame ★★★★☆½

*Ho letto questo libro in Inglese