I, Zombie by Hugh Howey

Standard

Read this post in English

Di Hugh Howey ho letto l’insieme di storie di Wool che avevo apprezzato moltissimo; altri suoi romanzi non sono però riusciti bene come quello.

I, zombie è un romanzo che vuole trattare il tema cambiandone il punto di vista, per questo motivo ogni capitolo segue pensieri, osservazioni e ricordi di vari personaggi divenuti zombie.

Personalmente non mi è piaciuto per diversi motivi:

  • la prosa risulta poco avvincente e anche le scarse scene di azione risultano piuttosto noiose;
  • i capitoli sono lunghe parti di riflessioni e ricordi dei personaggi che alla lunga stancano, probabilmente in un altro formato (novella o simili) avrebbe funzionato meglio;
  • i personaggi non hanno caratterizzazioni così spinte da renderli unici, alla lunga la voce che parla sembra sempre la stessa (un lavoro decisamente migliore in questo senso è World War Z: An Oral History of the Zombie War in cui i personaggi sono caratterizzati in dettaglio anche in riferimento al contesto in cui vivono).

_______

* I, Zombie by Hugh Howey – ★

*Ho letto questo libro in Inglese

Advertisements

I, Zombie by Hugh Howey

Standard

Leggi questo articolo in Italiano

I read and enjoyed a lot Wool of Hugh Howey, however not all his novels are good as that one.
I, zombie deals with the zombie theme changing the point of view of narration, for this reason each chapter contains thoughts, observation and memories of the various zombie characters.

I did not like this book for different reasons:

  • the narration is not engaging and the few action scenes are quite boring;
  • chapters contains lots of reflections of the characters that partly are not zombie related and in the end boring;
  • the characterization is not very good, in the end it’s like there is only one of two voices talking despite the huge number of characters involved (in this sense a better work was done in World War Z: An Oral History of the Zombie War where characters behave with respect to the contest where they live).
_______

* I, Zombie by Hugh Howey – ★

*I read this book in English

[ARC] The last Christmas by Gerry Duggan & Brian Posehn

Standard

Read this post in English

Dopo guerre, mutazioni, stermini e risveglio di zombie il Natale è in pericolo: sempre meno sono i bambini vivi e disposti a credere a Babbo Natale.

Anche il villaggio di Babbo Natale viene attaccato: dopo la morte della moglie Babbo Natale comprende di non poter morire – nonostante i ripetuti tentativi di suicidio – finchè esiste almeno un bambino che crede in lui. Armato di liquore parte quindi per terminare l’ultimo bambino rimasto; si troverà però a cambiare idea e a lottare di nuovo contro i mutanti.

Libro sicuramente poco indicato per chi ama il natale sbrilluccicoso e pieno di bontà: qui non si lesina su sangue, violenza perlopiù gratuita e decessi spettacolari; lo stesso protagonista non è un esempio praticamente per nessuno.

Il fumetto, forse complessivamente eccessivo, riesce a strappare qualche sorriso con le scene più splatter, ma è fin troppo scontato nell’evoluzione della trama.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per stendere questa recensione.

_______

* The last Christmas by Gerry Duggan & Brian Posehn ★★☆☆☆½

*Ho letto questo libro in Inglese

[ARC] The last Christmas by Gerry Duggan & Brian Posehn

Standard

Leggi questo articolo in Italiano

After wars, mutations, exterminations and living dead Christmas is in peril: the living children that belive in Santa Claus are less and less.

Even Santa’s village is attacked by mutants and marauders: after Santa’s wife death he understands that he can not die – despite the various suicide attempts – until there is at last one children believing in him. Leaving with an elf and booze Santa is willing to kill the last boy and then die in peace, he will change his mind and fight against mutants.

Book that who loves the shining, full of goodness Christmas must avoid: here there is not scraping on blood, rough stuff and spectacular deaths, the protagonist himself is not a model to anyone.

The graphic novel, maybe somewhat excessive, can make the reader smile in the most splatter scenes, but the plot it’s too much predictable.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.

_______

* The last Christmas by Gerry Duggan & Brian Posehn ★★☆☆☆½

*I read this book in English

Dodici by Zerocalcare

Standard

Tralasciando il breve momento di squilibrio dato dal fatto che con il preorder ho ottenuto il libro una settimana dopo il resto del mondo [cioè lo dice la parola: preorder – come nei giochi, appena esce bisogna essere già li a giocare, mica dopo tutti gli altri].

Comunque è arrivato: edizione standard e variant Ghost Zero nr. 900/2000 (mi sto facendo trascinare nella maledizione dei collezionisti con queste edizioni), ovviamente entrambe edizione di Bao Publishing.

Continuando a leggere trovate la recensione, qui invece ho parlato dei precedenti libri di Zerocalcare.

Continue reading

[ARC] The Last of Us: American Dreams #1

Standard

Read this post in English

“The Last of Us: American Dreams #1” di Neil Druckmann e Faith Erin Hicks è un prequel grafico del videogioco omonimo (genere action-survival horror).

Il fumetto ci catapulta nella storia, molto dinamica e ricca di azione; un riassunto iniziale per contestualizzare l’ambientazione sarebbe stato utile: non tutti conoscono il gioco (ho scoperto solo dopo della sua esistenza) e quindi non risulta immediato il motivo della presenza militare nelle città.

Nel complesso comunque risulta una lettura gradevole anche se non autoconclusiva.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per stendere questa recensione.

_______

* The Last of Us: American Dreams #1 by Neil Druckmann & Faith Erin Hicks ★★★☆☆

[ARC] The Last of Us: American Dreams #1

Standard

Leggi questo articolo in Italiano

“The Last of Us: American Dreams #1” by Neil Druckmann and Faith Erin Hicks is a graphic prequel to the homonymous video game (a horror style survival action).

The story starts, without a canonical introduction, and is quite fast paced and action-like; a recap at the beginning to contextualize the setting could be useful: not everybody know the game (I discovered its existence only after reading this volume), thus the reason of military patrols in cities is not immediately clear.

Overall it’s a nice graphic novel despite the fact the story is not concluded.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.

_______

* The Last of Us: American Dreams #1 by Neil Druckmann & Faith Erin Hicks ★★★☆☆

*I read this book in English