Hercule Poirot’s Christmas by Agatha Christie

Standard

Leggi questo articolo in Italiano

During Christmas time everyone behaves better, at least everyone but old Simeon Lee.

The rich man reunites his family (his three sons and their wives and his granddaughter) for Christmas time with the aim to make their life miserable and have a laugh at theirs expenses.

Each son has some grudge with him, because their father tyranny, because his way to treat their long dead mother, because he refuses them money.

The days before Christmas the family meets, and they are joined also by the son of an old friend of Simeon Lee. Diamonds are shown, screams are heard and Simeon Lee is found dead in a classic closed room setting. Each person had a reason to kill him, so Poirot’s help is sought to discover the murderer and how he/she managed to kill the old man.

Hercule Poirot’s Christmas shows Agatha Christie’s skill in building a crime novel; Poirot asks questions, thinks and gathers every possible hint to uncover the murderer.

I enjoyed reading this book, but I think that some characters are quite excessive in their actions and statements clashing with the general atmosphere.

_______

Hercule Poirot’s Christmas by Agatha Christie ★★★☆☆

*I read this book in English

Il Natale di Poirot by Agatha Christie

Standard

Read this post in English

A Natale sono tutti più buoni, o meglio, tutti tranne il vecchio Simeon Lee.

Il ricco avventuriero riunisce per Natale la famiglia (i tre figli, le rispettive mogli e la nipote) con il solo scopo di rendere la loro vita miserabile e divertirsi alle loro spalle.

Ognuno dei figli ha avuto modo di maturare odio nei confronti del genitore, per via del suo fare tirannico, per come trattava l’ormai morta madre o perchè rifiuta loro denaro.

I giorni prima del Natale la famiglia si riunisce, e si aggiunge a loro il figlio di un vecchio amico di Simeon Lee. Il vecchio fa mostra dei diamanti grezzi in suo possesso, poi dopo la cena si odono urla tremende e Simon Lee viene trovato morto nella camera chiusa. Ognuno dei presenti aveva un motivo per l’omicidio, e quindi Poirot viene coinvolto nell’indagine per scoprire l’omicida e come sia riuscito nell’impresa.

Il Natale di Poirot dimostra l’abilità di Agatha Christie nel costruire un giallo tradizionale; Poirot interroga discretamente gli ospiti, raccoglie ogni informazione possibile e ragiona per arrivare alla soluzione.

La lettura mi ha intrigato, ho torvato però alcuni personaggi eccessivi nei loro atteggiamenti, e un po’ contrastanti rispetto all’atmosfera generale.

_______

Il Natale di Poirot by Agatha Christie ★★★☆☆

*Ho letto questo libro in Inglese

[ARC] Your Heart is a Muscle the Size of a Fist by Sunil Yapa

Standard

Leggi questo articolo in Italiano

Seattle, 1999. The Washington State Convention and Trade Center should host the WTO meeting (World Trade Organization), but the convention is blocked by the protesters who occupy the streets of the city, and in particular the relevant intersections to prevent the delegates to get to the Convention centre.

The novel is set during the protest day, and it involves the reader by interchanging different points of view belonging to both the protesters and the policemen busy clearing the streets.

The protagonists do not share only the events during the day (negotiations, a pacific protest, the clearing by policemen) but their lives, too.

The police chief keeps thinking about his son, Victor, who run away from home to see the world, in search of an answer about the relation between countries and between people. Victor who is involved with the protesters, and will maybe be able to get an answer among them. John Henry and King, trained in pacific protest, the former devoted to his ideals, the latter – returned illegally from Mexico to attend the protest – troubled by guilt for something she did in the past, and full of rage she barely keeps under control.

Among these stories – that smoothly fit one into the other – sometimes appear the intermission of the Sri Lanka delegate, determined in participating the meeting.

I was pleasantly surprised by this book that tells a true story and describes in a credible and involving way the people involved on both sides of the protest.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.

_______

* Your Heart is a Muscle the Size of a Fist by Sunil Yapa ★★★☆

*I read this book in English

[ARC] Your Heart is a Muscle the Size of a Fist by Sunil Yapa

Standard

Read this post in English

Seattle, 1999. Il Washington State Convention and Trade Center dovrebbe ospitare l’incontro del WTO (World Trade Organization), ma gli incontri sono impediti dai manifestanti che occupano le strade della città, concentrandosi sugli incroci chiave per raggiungere il luogo della Convention.

Il romanzo è ambientato proprio durante il giorno degli scontri, e coinvolge il lettore sfruttando diversi punti di vista sia tra i manifestanti che tra i poliziotti impegnati a sgombrare le strade.

I protagonisti non si limitano a condividere quanto vivono durante la giornata (momenti di negoziazione, la manifestazione pacifica, la direttiva di sgombero dei manifestanti, gli scontri con la polizia), ma anche la propria storia.

Il capo dei poliziotti non smette di pensare al figlio Victor, scappato di casa tempo prima per vedere il mondo, in cerca di una ragione alla base delle relazioni tra paesi e tra persone. Victor che si trova coinvolto tra i manifestanti e forse proprio lì riuscirà a trovare una risposta. John Henry e King, addestrati alla manifestazione non violenta, il primo dedito alla causa, la seconda rientrata illegalmente dal Messico per partecipare alla manifestazione e tormentata dai sensi di colpa per azioni passate, travolta da una rabbia che a stento riesce a trattenere.

In tutte queste storie – che fluidamente si incastrano – appare ogni tanto l’intermezzo dato dal diplomatico dello Sri Lanka, determinato a partecipare agli incontri programmati.

Quando ho preso in mano il romanzo sono stata piacevolmente sorpresa: oltre a raccontare una storia vera, il romanzo descrive in modo credibile e coinvolgente le emozioni delle persone coinvolte da entrambi i lati della protesta.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per stendere questa recensione.

_______

* Your Heart is a Muscle the Size of a Fist by Sunil Yapa ★★★☆

*Ho letto questo libro in Inglese

[ARC] River of ink by Paul M. M. Cooper

Standard

Leggi questo articolo in Italiano

Sri Lanka, 13th century. Asanka is the king’s poet and lives a placid existence composing new poems and teaching the art to some apprentices, and among them his lover, a girl belonging to a lower class.

Then the kingdom is invaded by Kalinga Magha‘s army, him a violent and ruthless man who soon becomes the new king. Asanka’s life is spared, but Magha imposes him the duty to translate from Sanskrit to tamil (a language used by common people) the epic poem Shishupala Vadha, with the aim to glorify the new king.

Asanka begins translating the complex text, at firstly rigorously, then introducing some little variations that are to taunt Magha – who seems to not noticing them. The translation, read in the nearby villages, becomes an asset in the rebellion army. Magha does not trust the poet completely, and Asanka keeps fearing for his life, also because he has to hidden some mysterious tamil poems where Shishupala Vadha’s protagonists tell their stories.

Concerning the plot the novel is interesting, because it tells a story far by place and time and traditions; on the other hand I think it lacks some context (a glossary, some brief explanation of the poems and its complexity).

I am partially convinced by the characters, or at least the poet: Magha is a violent dictator almost near madness, Sarasi is strong-willed, while Asanka is the one who most adapts himself to the external events, he adapts to survive and he choses to modify the poem for the love of Sarasi, who hopes for the revolution.

Concerning the narration the most interesting idea is to have a main narration line and the story within the mysterious scrolls Asanka receives, since they help develop new way to interpret the poem,

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.

_______

* River of ink by Paul M. M. Cooper ★★★☆☆½

*I read this book in English

[ARC] River of ink by Paul M. M. Cooper

Standard

Read this post in English

Sri Lanka, XIII secolo. Asanka è poeta alla corte del re e vive una placida esistenza dividendosi tra la composizione di nuovi poemi e l’istruzione di apprendisti, tra questi anche la sua amante, una ragazza di un ceto sociale molto inferiore.

L’arrivo di un conquistatore violento, Kalinga Magha, che rapidamente vince le scarse resistenze e diventa il nuovo sovrano, sovverte la vita del poeta. Asanka viene risparmiato ma gli viene imposta la traduzione dal sanskrito in tamil (un idioma popolare) del poema Shishupala Vadha, con l’obiettivo di glorificare il nuovo re.

Asanka inizia la traduzione del complesso testo, in un primo tempo fedelmente e poi inserendo piccole variazioni volte a prendersi gioco di Magha che pare non accorgersene. Il testo, letto nei vari villaggi, diventa un punto su cui la ribellione inizia a maturare. Magha non dà però totale fiducia al poeta; Asanka inizia a temere per la propria incolumità, anche a causa di misteriosi testi in Thamil in cui i personaggi del Shishupala Vadha si raccontano.

Dal punto di vista dei temi il romanzo è interessante, trattando storie lontane per spazi e tempi e riprendendo leggende proprie di altri paesi e religioni; d’altra parte ho sentito l’assenza di contesto (un glossario, una minima spiegazione della complessità del poema che ho evinto solo da Wikipedia).

I personaggi non mi hanno convinto appieno, quanto meno il protagonista: Magha emerge come dittatore al limite della pazzia, Sarasi dimostra un carattere forte, mentre Asanka è quello che più si fa trascinare dagli avvenimenti, si adatta quanto basa per sopravvivere e sceglie di modificare il poema solo per restare nelle grazie della sua amante, legata alla rivoluzione.

Narrativamente il meccanismo più interessante risulta quello di associare la linea narrativa principale ai misteriosi testi ricevuti dal poeta, in cui diversi personaggi del poema epico si raccontano, sviluppando nuovi punti di lettura del poema stesso.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per stendere questa recensione.

_______

* River of ink by Paul M. M. Cooper ★★★☆☆½

*Ho letto questo libro in Inglese

Gli equinozi by Cyril Pedrosa

Standard

Gli equinozi di Cyril Pedrosa è un’opera notevole (peraltro resa in una bellissima edizione cartonata) in cui l’autore associa linguaggi e stili diversi per raccontare alcuni stralci di esistenze.

Le quattro stagioni di un anno si susseguono, e compongono i macro-capitoli del libro. I capitoli mantengono una struttura predefinita: si aprono con immagini di una esistenza agli albori dell’umanità, un personaggio silenzioso che si confronta con la natura, e proseguono con episodi di alcuni personaggi per poi concludersi con un testo scritto.

I personaggi che popolano le pagine non si conoscono, sono esistenze che si sfiorano in una Francia moderna, e hanno come punto di contatto l’essere i modelli involontari per le foto di una ragazza (che il lettore vede sempre di spalle) che li coglie in momenti della vita quotidiana. Le foto poi sfumano nel bianco e nero e in forme indistinte, e abbiamo modo di approfondirli leggendo quello che provano, cosa pensano.

L’autore non racconta una storia sola, e la copertina riassume quello che dà il romanzo: tante persone, tante storie, quello che potrebbe venirci in mente camminando in una strada affollata, in una grande città.

Graficamente il libro è molto interessante, ogni stagione è caratterizzata da una tecnica precisa che trasmette al lettore le emozioni legate al periodo.

_______

Gli equinozi by Cyril Pedrosa ★★★★☆