La scienza della cucina di Dario Bressanini

Standard

Dario Bressanini è un chimico, ricercatore presso l’università dell’Insubria (Como). E’ anche un divulgatore scientifico, su Le Scienze blog – La scienza in cucina ed è autore di un paio di libri in cui vengono analizzate da un punto di vista scientifico e oggettivo le bufale culinarie più diffuse.

Suoi sono anche i due libri di cucina protagonisti di questo post: La scienza della pasticceria e La scienza della carne.

Oggi spopolano libri e programmi televisivi in cui cuochi e ricette la fanno da padrone, e in cui la cucina emerge come un’arte. Bressanini invece ci insegna che la cucina è una scienza, fatta di dosi, reazioni, cause ed effetti.

In questi due volumi – e speriamo ne seguano altri – l’autore affronta la chimica dietro la pasticceria e la cottura della carne.

Le ricette propose in entrambi i libri sono poche: ricette base spiegate però con precisione e dettaglio; non si fa una preparazione in un modo “perchè si faceva così”, ma perchè c’è un motivo ben preciso per cui una cottura dia un risultato diverso da un’altra.

Ogni volume è diviso in sezioni (per ingredienti nel caso della pasticceria e per caratteristiche della carne e cotture nell’altro) in cui viene approfondito il lato scientifico (molecole e reazioni coinvolte, …).

Li ho trovati testi molto interessanti; non sono una fanatica dei libri di ricette e quelle proposte qui – soprattutto nel caso della carne – sono già innovative per il mio modo di cucinare (con il kindle o un libro in mano, per intenderci), e conoscere il perchè delle cose le rende ripetibili (come la Reazione di Maillard, responsabile delle dorature così ambite).


La scienza della pasticceria by Dario Bressanini ★★★★☆
La scienza della carne by Dario Bressanini ★★★★☆

City of Thieves by David Benioff

Standard

Leggi questo articolo in italiano


How hard is to retrieve a dozen eggs? If nowadays is very easy, in Leningrad during the nazi siege it was very different.

This is the task assigned to Lev, a seventeen years old boy arrested by the police and accused of thievery, and to Kolya, a soldier accused of deserting his group. The dozen eggs are the key to freedom and salvation, otherwise they are going to be executed.

The characters met in the jail, and from that moment the adventure to get the eggs begins. They will firstly explore Leningrad and then the fields out of the city, where partisans are fighting the german troops.

The story of Lev and Kolya brings us in the streets of the sieged city, where people suffer daily frost, hunger and bombardments, and where survivors do everything to stay alive, also the unimaginable.

The same is out of the city, where the german threat is even more real, and so Lev and Kolya will have to do everything they can to keep surviving.

City of thieves is a compelling novel, full of adventures and humanity. It’s hard to leave the two guys while reading the book, and it’s even harder to forget them when the book is come to the end.


* City of Thieves by David Benioff ★★★★★

*I read this book in italian

La città dei ladri by David Benioff

Standard

Read this post in english


Quanto è difficile procurarsi dodici uova? Se oggi è semplicissimo, nella Leningrado durante l’assedio tedesco è tutta un’altra storia.

Ed è questo il compito che viene assegnato a Lev, diciassettenne arrestato dalla polizia e accusato di furto, e a Kolja, cosacco accusato di diserzione. Quelle dodici uova per i due rappresentano la salvezza, altrimenti li attende la legge marziale e l’esecuzione.

I due ragazzi si conoscono in carcere, e da quel momento inizia la ricerca delle uova, che li porterà prima ad esplorare Leningrado e poi al di fuori della città, dove partigiani e truppe tedesche si combattono.

La storia di Lev e Kolja ci porta tra le strade di una città sotto assedio, in cui all’ordine del giorno sono il freddo, la fame e i bombardamenti, e in cui i superstiti fanno di tutto per continuare a sopravvivere, anche l’inimmaginabile.

E fuori dalla città è lo stesso, con la minaccia tedesca che incombe anche più concreta, e anche i due protagonisti fanno di tutto per continuare a sopravvivere.

La città dei ladri è un romanzo coinvolgente, ricco di azione e umanità. E’ difficile abbandonare Lev e Kolja durante la lettura, ed è ancora più difficile dimenticarli una volta finito di leggere il romanzo.


* La città dei ladri by David Benioff ★★★★★

*Ho letto questo libro in italiano

La ragazza dell’addio by Giorgio Scerbanenco

Standard

Scerbanenco è autore di bellissimi noir (la serie con protagonista Duca Lamberti è un ottimo esempio), ma in questo romanzo si dimostra anche un ottimo autore del genere romantico.

Martino è orfano, lavora come impiegato nell’azienda di Filippo, un amico, ma potrebbe concludere l’università e avere il successo che si merita con l’aiuto economico di Filippo, disponibile a patto che sposi Milla.

Milla è una ragazza ricca, elegante, raffinata, disperatamente innamorata di Martino, ma non è bella.

L’amicizia tra Martino e Milla potrebbe continuare per sempre, ma un giorno Martino si accorge di essere stanco di essere povero, e si convince a sposare Milla. Purtroppo per lei una conoscenza del passato del ragazzo ritorna e scombina tutto.

La trama ha i caratteri tipici del romanzo romantico, ma La ragazza dell’addio spicca per la caratterizzazione emotiva dei personaggi, sia protagonisti che comprimari. Bella anche l’ambientazione, in particolare quella nebbiosa tra Pavia e Milano. E’ un romanzo in cui ci si commuove, e che coinvolge (Martino si meriterebbe ceffoni dall’inizio alla fine).

E Il titolo, come tutti quelli di Scerbanenco, è perfetto.

Troppi addii per una donna sola, e tutti crudeli, e alla fine non si soffre più. Il cuore alla fine si era guastato, non segnava più né l’ora della gioia, né quella del dolore.


La ragazza dell’addio by Giorgio Scerbanenco ★★★★☆½

[ARC] The Bear and The Nightingale by Katherine Arden

Standard

Read this post in english


Vasya nasce nella Russia del nord, figlia del capo del villaggio. In Vasya scorre però una magia antica, e fin da bambina è in grado di vedere gli spiriti protettori e non che popolano gli angoli del villaggio.

La vita scorre serena, ma il cambiamento è alle porte: il padre, vedovo, si risposa con una nobile donna ossessionata dalla paura degli spiriti malvagi, e nel villaggio arriva un nuovo prete, giovane e ambizioso.

E lo spirito malvagio che da anni è confinato nella foresta cercherà di sfruttare al meglio questo cambiamento nel villaggio; Vasya si troverà quasi sola a combattere il male che incombe.

The Bear and The Nightingale ha i toni di una fiaba, ma in realtà tocca temi più profondi: la cultura tradizionale viene dimenticata e persa a favore di nuove tradizioni, le suggestioni portano a cambiare abitudini e credo, l’ambizione senza freni che non si cura di umanità e ragioni.

Il romanzo è bellissimo, avventuroso e coinvolgente, la storia tiene costantemente il lettore in sospeso, i personaggi sono vivi e l’ambientazione nella fredda Russia è meravigliosamente realizzata. Sono entusiasta del fatto che si parli di un possibile seguito, e consiglio senza alcun dubbio la lettura del romanzo.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* The Bear and The Nightingale by Katherine Arden ★★★★★

*Ho letto questo libro in inglese

[ARC] The Bear and The Nightingale by Katherine Arden

Standard

Leggi questo articolo in italiano


Vasya is born in northern Russia, she is the daughter of the noble head of the village. Vasya is different, in her there is an old magic, and since childhood she is able to see the spirits around the village, both the guardian and the evil ones.

Life is happy, but the change is near: Vasya’s father, a widow, marries a noble woman who fears constantly the evil spirits, and in the village comes a new priest, young and ambitious.

The evil spirit, bound to the forest since years back, tries to exploit these changes in the town; Vasya ends up to be almost the only one to fight the evil to come.

The Bear and The Nightingale has the features of a fairy tale, but deals with strong themes: the traditional culture that is forgotten and lost in favour of new traditions, the suggestions that bring people to change their beliefs, the uncontrolled ambition that does not care for humanity and reason.

The novel is wonderful, adventurous and compelling, the story keeps constantly the reader in suspense, the characters are alive and the setting in the frosted Russia is wonderfully crafted. I’m enthusiast there is the possibility of a follow-up novel, and I absolutely suggest to read this installment.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* The Bear and The Nightingale by Katherine Arden ★★★★★

*I read this book in english

[ARC] Good Me, Bad Me by Ali Land

Standard

Read this post in english


La madre di Annie è una spietata assassina, e a denunciarla alla polizia è proprio la figlia quindicenne, che nel corso degli anni ha assistito agli omicidi di diversi bambini e subito lei stessa abusi dalla madre.

Ora la donna è in prigione, e Annie ha un nuovo nome, Milly, e una nuova vita in attesa del processo in cui dovrà testimoniare.

Milly vive con la famiglia dello psicologo da cui è in cura, ma l’inserimento nella nuova scuola è difficile anche a causa della “sorellastra” Phoebe, che fa di tutto per prendersi gioco di Milly con il supporto delle amiche popolari; Milly però non è così indifesa come può sembrare a una prima occhiata.

Il lettore segue tutta la vicenda dal punto di vista di Milly, apprezzandone sia le debolezze che lo spietato cinismo.

Il romanzo è un thriller psicologico in cui non sappiamo mai cosa aspettarci dalla protagonista, anche perchè lei per prima non sa definirsi buona o cattiva, ed è una lettura avvincente fino alla resa dei conti finali.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* Good Me, Bad Me by Ali Land ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese