[ARC] 48-Hour Start-up by Fraser Doherty MBE

Standard

Read this post in english


Fraser Doherty, giovanissimo ideatore di SuperJam, in questo libro propone i passi da seguire per creare una startup in 48 ore, a partire dall’ideazione di un prodotto per concludere con una sua primissima commercializzazione.

L’idea del libro è molto interessante, e il testo si rivela un manuale ricco di consigli utili per gli aspiranti imprenditori (oltre a presentare un elenco di riferimenti nella bibliografia finale), anche se il modello proposto si applica bene per alcune tipologie di prodotti (B2C, non servizi), mentre lo vedo piuttosto difficile da applicare in altri contesti.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* 48-Hour Start-up by Fraser Doherty MBE ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

[ARC] 48-Hour Start-up by Fraser Doherty MBE

Standard

Leggi questo articolo in italiano


Fraser Doherty, young creator of SuperJam, in this book tells which steps could be followed to build a start-up in 48 hours, from focusing on a product to its first commercialization.

The idea behind this book is quite interesting, and the text is full of useful suggestions for wannabe entrepreneurs (and the bibliographic section at the end is full of useful like and resources). I think that the model proposed fits with some kind of products (mainly B2C, not services), but maybe it’s not suited for other kind of contexts.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* 48-Hour Start-up by Fraser Doherty MBE ★★★★☆

*I read this book in english

Storie della buonanotte per bambine ribelli by Elena Favilli & Francesca Cavallo

Standard

Read this post in english


Penso che Storie della buonanotte per bambine ribelli non abbia bisogno di grandi presentazioni, visto che da qualche tempo è al centro dell’attenzione: ha ottenuto finanziamenti sia su Kickstarter che Indiegogo, è stato osannato e criticato.

Per la sua natura (i motivi che hanno portato a scriverlo, i contenuti, la scelta precisa del titolo) direi che è un libro che si ama o si odia, ed è comunque un testo che non viene giudicato solo per il contenuto, ma anche per l’intenzione.

A me è piaciuto (e l’ho anche già regalato): non è esente da difetti, forse non avrei selezionato le stesse 100 grandi donne e in alcuni casi ne avrei parlato in modo diverso, però va premiato per l’ottima idea e per come è stata realizzata.

Le storie sono proposte in ordine alfabetico per nome, e ad ogni profilo è associata una illustrazione che ritrae la protagonista della storia; i disegni sono realizzati da illustratrici di tutto il mondo, e in molti casi mi pare riescano a cogliere molto bene l’immagine (inteso anche come stile) della persona ritratta.

Il titolo è provocatorio, ma è un libro veramente per tutti: per i bambini perchè insegna che tutti possono fare grandi cose, ma anche per gli adulti perchè nessuno è onnisciente; i 100 ritratti sono un punto di partenza per approfondire persone e tematiche.


* Storie della buonanotte per bambine ribelli by Elena Favilli & Francesca Cavallo ★★★★★

*Ho letto questo libro in italiano

Good Night Stories for Rebel Girls by Elena Favilli & Francesca Cavallo

Standard

Leggi questo articolo in italiano


I think that Good Night Stories for Rebel Girls does not need a formal presentation, since it has focused a lot of attention: it is the outcome of a successful crowdfunding campaign both on Kickstarter and Indiegogo, it obtained great praises and critiques.

Because of its characteristics (the reasons it was written, the contents, the specific choice of the title) I think it’s a book that is either loved or hated; it’s difficult to judge it only for its content, because it is also about meaning and intent.

I liked it (and I’ve already buy it as present): it’s not flawless, maybe I would not have chosen the same 100 women or I would have written something different about some of them, but it needs to be praised for the good idea and realization.

The stories are sorted alphabetically by name, and all women are also portrayed in an illustration; the images, made by women illustrator around the world, are beautiful, and I think they fit the style of the woman described.

The title is provocative, but the book is suited for everybody: for children because it teaches that everyone can do great things, and for adults because it helps learning something new about people and foreign cultures and societies.


Good Night Stories for Rebel Girls by Elena Favilli & Francesca Cavallo ★★★★★

*I read this book in italian

Stories of Your Life and Others by Ted Chiang

Standard

Leggi questo articolo in italiano


Stories of Your Life and Others is a collection of tales by Ted Chiang, famous recently for the movie Arrival, that is based on the story that titles the book.

Story of Your Life is wonderful and compelling, and the mix between reading the story and seeing the movie helps in understanding better the thematic (time perception, cause – effect system, interacting with an alien culture); it’s one of the rare situation when text and video helps themselves.

The tales have a philosophical / theological implication: the ambition to reach the divine in Tower of Babylon, the angelic influx to human in Hell is the absence of God, the contact between science and religion in Division by Zero.

Other tales explore ethics and moral: Seventy-Two Letters is set in a hypothetical reality where man is able to give life to golem (that can be compared to artificial intelligences), Liking What You See: A Documentary analyze the theme of perceiving beauty also with respect to the actual standards provided by the media, and Understand shows two opposite ways of dealing with supreme knowledge.

The collection is of great quality, the main thread is the speculation of science fiction; the stories are useful to reflect, but they are not suited for the sf action-lovers.


Stories of Your Life and Others by Ted Chiang ★★★★☆

*I read this book in english

Storie della tua vita by Ted Chiang

Standard

Read this post in english


Storie della tua vita è una antologia di racconti di Ted Chiang, recentemente tornata in libreria grazie al film Arrival, tratto dalla storia che dà il titolo al volume.

Storie della tua vita è bellissimo e coinvolgente, e combinare la lettura con la visione del film contribuisce a comprendere il tema di fondo (la percezione del tempo, causa – effetto, l’interazione con una cultura aliena); è uno dei rari casi in cui testo e video si arricchiscono a vicenda.

I racconti hanno tutti un risvolto filosofico / teologico più o meno elaborato: l’ambizione a raggiungere il divino in Torre di Babilonia, l’influsso angelico sugli uomini in L’inferno è l’assenza di Dio, l’incontro tra scienza e religione in Divisione per Zero.

Altri racconti esplorano etica e morale: Settantadue Lettere ipotizza una storia alternativa in cui l’uomo è capace di dare la vita ai Golem (paragonabili alle intelligenze artificiali), Il piacere di ciò che vedi: un documentario approfondisce il tema della percezione della bellezza rispetto anche agli attuali canoni proposti dai media e Capire mostra due aspetti opposti della gestione della massima conoscenza.

E’ una raccolta di altissima qualità in cui l’aspetto preponderante è quello speculativo della fantascienza; sono racconti che aiutano a riflettere, ma poco adatti agli amanti dell’azione.


* Storie della tua vita by Ted Chiang ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

[ARC] The Lonely Hearts Hotel by Heather O’Neill

Standard

Read this post in english


E’ un errore scegliere questo romanzo per la magia decantanta dalla quarta di copertina.

Iniziamo col dire che The Lonely Hearts Hotel non è un romanzo per tutti: ci sono numerose scene di povertà, violenza e abusi molto grafiche; il romanzo si apre con una violenza su una ragazzina innocente e ci porta tra l’orfanotrofio e i bassifondi dove i due protagonisti si trovano a vivere.

Pierrot e Rose si incontrano da bambini in orfanotrofio, le loro strade poi viaggiano separate per molti anni fino alla riunione tanto attesa e alla realizzazione del loro spettacolo, The Snowflake Icicle Extravaganza. Forse però il parlare di due protagonisti è un po’ una bugia; i due si contrappongono per carattere e atteggiamenti, ma il fuoco della storia ruota intorno a Rose, l’unica dei due che cerca una realizzazione personale.

The Lonely Hearts Hotel per me è soprattutto un romanzo sulla condizione femminile nel primo ‘900 a Montreal: donne trascurate e sempre sfruttate, che siano povere prostitute o ricche mogli o amanti. E Rose ne è consapevole fin da bambina – l’invezione dell’orso immaginario – ma sceglie di non accettare questa condizione, per questo Pierrot è perfetto per lei, perchè è l’unico che la ama così tanto da consentirle di essere libera.

The lonely hearts hotel è il punto di arrivo della storia, che si articola in soggiorni in numerosi hotel i cui nomi riflettono lo stato dei personaggi e le loro emozioni.

E’ un romanzo dai temi forti sviluppati con un linguaggio lirico e a volte immagini non convenzionali (Rose e Pierrot in fondo sono due clown), però se lo si legge cercando la magia di altri romanzi (come The Night Circus) si rischia di rimanere delusi e di non apprezzarlo per come merita.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* The Lonely Hearts Hotel by Heather O’Neill ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese