The Penelopiad by Margaret Atwood

Standard

Leggi questo articolo in italiano


Odysseus’s story is well-known (I hope): the adventures and hijinks that took him away for twenty years from Ithaca and from his wife Penelope. 

In this novel the perspective is tilted: the narrator is Penelope herself, who, from the Land of the Death, thinks it’s time to tell her side of the story.

This way Margaret Atwood retraces Penelope’s life, showing a woman more alive than the faithful wife in the Odyssey, from her childhood to the marriage with Odysseus, his departure from Ithaca and the arrival of the suitors.

Penelope’s narration is interposed by the chorus of the twelve maids who were hanged after Odysseus came back, and with these voices the story takes another different turn.

The novel is compelling and fluid, Penelope stands out realist and ironical, and in the same time her husband’s adventure take a new shape, less mythical and more human.


The Penelopiad by Margaret Atwood ★★★★☆

*I read this book in english

Il canto di Penelope by Margaret Atwood

Standard

Read this post in english


La storia di Ulisse è ben conosciuta (spero): le avventure e peripezie che per vent’anni l’hanno tenuto lontano da Itaca e dalla moglie Penelope.

In questo romanzo la prospettiva viene ribaltata, e a narrare la storia abbiamo Penelope che, dall’Ade, sente che è giunto il momento di ripercorrere la storia secondo il suo punto di vista.

E così Margaret Atwood ricostruisce la vita di Penelope, qui molto più umana rispetto alla fedele e indomita moglie dell’Odissea, dall’infanzia fino al matrimonio con Ulisse e la vita a Itaca, la partenza del marito e l’arrivo dei Proci.

Alla narrazione di Penelope si alterna il coro delle dodici ancelle che furono impiccate al ritorno di Ulisse sull’isola, e con queste altre voci la storia prende ancora una forma differente.

Il romanzo è scorrevole e coinvolgente, Penelope emerge disincantata e ironica, e nel contempo le avventure del marito assumono altre sfaccettature, meno mitiche e molto più terrente.


* Il canto di Penelope by Margaret Atwood ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese

[ARC] New Boy by Tracy Chevalier

Standard

Leggi questo articolo in italiano


The novels in the Hogarth Shakespeare series are retelling of Shakespeare’s most famous dramas and comedies.

New Boy by Tracy Chevalier takes inspiration by the Tragedy of Othello, here setted in the playground of an USA suburban primary school in the 1970

Osei (called also O) is the son of a diplomat from Ghana, and for this reason his family moves frequently. Osei is used in being the new boy in every school, the only children who does not now anybody and that has to settle himself.

In this new school all the children are white, so Osei is new and different. The only girl who behaves friendly with him is Dee, and the two become friends. Othello’s story has not an happy ending, and here it will be Ian to destroy the relation between O and Dee.

New Boy is a faithful retelling of the original drama, but with the addition of another thematic:the friendship – and love – between O and Dee is not accepted for the racist mentality that is common in that area (both in adults and children).

I was not convinced by the choice to have a single day timespan (an extremely long school day with lessons alternating with playground time) and the choice of characters being children (age about 10 – 11 years). In some moments the difference between the events (dialogues and emotions) and the character’s age makes the story unreal and not very much engaging.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* New Boy by Tracy Chevalier ★★☆☆☆½

*I read this book in english

[ARC] Il ragazzo nuovo by Tracy Chevalier

Standard

Read this post in english


I romanzi della collana Hogarth Shakespeare sono retelling dei più famosi drammi e commedie di Shakespeare.

Il ragazzo nuovo di Tracy Chevalier è ispirato alla storia di Otello, qui ambientata nel cortile delle scuole elementari di un paese americano negli anni 70.

Osei (detto anche O) è figlio di un diplomatico Ghanese, e per questo motivo la sua famiglia si sposta frequentemente, Osei è abituato a essere il nuovo bambino, quello che non conosce nessuno e deve ambientarsi.

In questa nuova scuola però non ci sono bambini di etnie diverse, Osei è nuovo e anche diverso. L’unica bambina che lo accoglie è Dee, e i due maturano da subito un rapporto particolare. La storia di Otello però non ha un lieto fine, e qui sarà Ian a mettere lo zampino per compromettere la felicità della coppia.

Il ragazzo nuovo è un retelling sicuramente fedele alla storia originale in cui l’autrice inserisce altre tematiche che arricchiscono il romanzo: l’amicizia – e forse amore – tra O e Dee è ostacolato anche per via della mentalità razzista comune agli abitanti della cittadina. Non mi ha convinto però la scelta di sviluppare la trama in un singolo giorno (un lunghissimo giorno di scuola in cui le lezioni si alternano ai giochi in cortile) e la scelta dei personaggi (bambini di 10 – 11 anni). In diversi momenti lo scostamento tra gli eventi della trama (dialoghi ed emozioni) e l’età dei personaggi rende la vicenda irreale e poco coinvolgente.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* Il ragazzo nuovo by Tracy Chevalier ★★☆☆☆½

*Ho letto questo libro in inglese

Ragione & Sentimento by Stefania Bertola

Standard

Stefania Bertola riscrive il romanzo Austeniano e lo ambienta nella Torino del 2015, nasce così Ragione & Sentimento.

Come tutti i romanzi dell’autrice anche questo ha la sua buona dose di strampalatezza, la storia è leggera – ogni tanto ci vuole, assieme a una buona dose di risate – ma seria quanto basta.

Le quattro donne della famiglia Cerrato sono assolutamente deliranti nelle loro fissazioni, tutte tranne Eleonora che, con il suo lavoro di maestra e il buon senso che la caratterizza, mette un equilibrio agli eccessi delle altre, troppo impegnate a rimpiangere ricchezze passate e perseguire sogni folli.


* Ragione & Sentimento by Stefania Bertola ★★★★☆½

Il dono della fata by Gail Carson Levine

Standard

Read this post in English


Ella vive in un mondo magico, e alla nascita ha ricevuto anche il dono di una fata: l’obbedienza. Difficile definirlo un dono ben gradito, anche perchè Ella è costretta a obbedire ogni volta che le viene ordinato qualcosa, altrimenti dolori fortissimi la assalgono.

La ragazza era molto legata alla madre, che però muore quando Ella è ancora una ragazza, e il padre – un serio mercante, disposto a tutto pur di arricchirsi – inizia a frequentare una odiosa donna ricca, madre di due altrettanto odiose e maligne ragazze.

Il dono della Fata è un intelligente retelling di Cenerentola (premiato anche come Newbery Honor) in cui Ella cresce affrontando diverse situazioni, anche spiacevoli, e dimostra che spesso una ragazza riesce a cavarsela da sola, anche senza un principe che arrivi in soccorso.

La storia è ben costruita: i rimandi alla fiaba sono evidenti, ma sono arricchiti da molti altri elementi, alcuni anche divertenti, come la Fata Lucinda e i suoi drammatici doni a fin di bene.

Dell’edizione italiana mi lascia perplessa la copertina: perchè mettere una ragazza in contemplazione di un portacandela? boccia di Natale con le stelline? come riferimento al romanzo?


* Il dono della fata by Gail Carson Levine ★★★★☆

*Ho letto questo libro in Italiano

Ella Enchanted by Gail Carson Levine

Standard

Leggi questo articolo in Italiano


Ella lives in a magical world, and after her birth a fairy gave her a gift: obedience. Hardly to define it a gift, since Ella is now forced to obey every order she receives, otherwise she will suffer great pains.

The girl is very attached to her mother, who dies when Ella is still a girl, and her father – a serious merchant who would do anything for money – begins to see an insufferable rich woman, mother of two insufferable and evil girls.

Ella Enchanted is a smart retelling of the Cinderella fairy tale (it won the Newbery Honor prize) where Ella grows up by facing various situations, even unpleasant ones, and she shows that sometimes a girl is able to save herself, without the need of a saving prince.

The story is well-built: there are evident reference to the original fairy tale, but the story is enriched by other elements, even funny ones, like fairy Lucinda and her dramatic gift, intended for good.


* Ella Enchanted by Gail Carson Levine ★★★★☆

*I read this book in Italian