Down Among the Sticks and Bones (Wayward Children #2) by Seanan McGuire

Standard

Read this post in english


Down Among the Sticks and Bones ci racconta una parte della storia antecedente a Every Heart a Doorway, in particolare cosa è accaduta alle gemelle Jack e Jill prima di approdare alla casa per bambini ribelli di Eleanor West.

Jacqueline era stata plasmata a immagine della figlia perfetta dalla madre: quindi mai sporcare i bei vestiti, essere sempre in ordine e giocare pochissimo e compostamente.
Jillian al contrario l’aveva plasmata il padre: doveva essere avventurosa e sportiva e poteva giocare con gli altri bambini senza paura di sporcarsi.

Peccato che Jacqueline e Jillian fossero particolarmente infelici di questa plasmatura, e quindi l’apertura della porta che le ha portate in un mondo magico (ma anche horror) è stata una meravigliosa opportunità per un’avventura.

Down Among the Sticks and Bones è un breve romanzo, scorrevole e coinvolgente, godibile anche da chi non ha letto Every Heart a Doorway. Per chi invece ha avuto il piacere di conoscere gli abitanti della casa gestita da Eleanor West ritroverà qui un mix di magia e orrore, una deliziosa fiaba dark.


* Down Among the Sticks and Bones by Seanan McGuire ★★★★☆

*Ho letto questo libro in inglese
*I read this book in english

Advertisements

Down Among the Sticks and Bones (Wayward Children #2) by Seanan McGuire

Standard

Leggi questo articolo in italiano


Down Among the Sticks and Bones tells a part of what happened before Every Heart a Doorway, in particular the story of the twin sisters Jack and Jill before them living in the Eleanor West’s house for Wayward Children.

Jacqueline was educated as her mother’s perfect girl: be a little princess, do not get dirty and don’t be noisy.
Jillian, on the opposite, was educated as her father’s son he did not get: a bit of a tomboy, able to play with other boys, never mind the dirt and the noise.

Too bad that both Jacqueline and Jillian were unhappy about this arrangement, so the door that opened them a magic – and a bit horrific – world was the perfect opportunity for an adventure.

Down Among the Sticks and Bones is a short and compelling novel, that works also as a standalone. The readers who already met the children living in Eleanor West’s house will find here again a mix of magic and horror, an unsettling atmosphere, a delicious dark tale.


* Down Among the Sticks and Bones by Seanan McGuire ★★★★☆

*I read this book in english

Prendiluna by Stefano Benni

Standard

Nuovo romanzo di Stefano Benni, racconta la storia di Prendiluna, anziana insegnante del liceo, a cui un gatto ormai morto assegna una missione da cui dipende la sorte dell’umanità: consegnare i suoi Dieci Mici a Dieci Giusti, e poi morire.

Alle vicende di Prendiluna si intrecciano quelle di Dolcino e Michele, suoi ex studenti, ora pazzi e ricoverati in una struttura, da cui prontamente evadono per aiutare la donna.

A queste due linee narrative principali si innesta un turbinio di personaggi, e quella critica sociale basata sull’irriverenza e sul sarcasmo, ben nota agli appassionati dei romanzi di Stefano Benni.

Prendiluna mi ha riportato un po’ agli indimenticabili Elianto e La compagnia dei celestini, anche se ho trovato qui una narrazione più confusa (e non mi riferisco all’incrocio di sogni, trisogni e sogni matrioska).


Prendiluna by Stefano Benni ★★★☆☆

[ARC] I am behind you by John Ajvide Lindqvist

Standard

Leggi questo articolo in italiano


This book is so extremely weird that I don’t know how to begin talking about it.

The beginning it’s truly intriguing: one morning, the inhabitants of four trailers, installed in a camping for the summer, wake up and do not find anymore the camping. Around them a field of green grass and an infinite blue sky.

This way start a story that can be defined as horror, but also in the extreme weird. The main characters (Trailer 1: Athletic Peter, his beautiful wife Isabel and Molly, their daughter, Trailer 2: Quiet Stefan with Carina and their son Emil, Trailer 3: The strange couple Olof and Lennart and their cat and last Trailer 4: Quick tempered Donald and his patient wife Majvor and their dog) initially try to understand this new environment and to find clues on how to get back to their quiet, boring reality.

After some time this anonymous place starts to bring out the worst from them: visions bring back the hidden past and the worst and violent inclination of these unlucky campers. The characters are the focus of the novel and they are well-build, also thanks to the narrative choice to follow each PoV, with a couple of creepy exceptions.

Unfortunately the conclusion is the apex of the unintelligible, and this is the main reason why the novel did not convince me. In the end a good execution but the ending left me a bit frustrated, too bad since I very much liked Let the right ones in.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* I am behind you by John Ajvide Lindqvist ★★☆☆☆

*I read this book in english

[ARC] Musica dalla spiaggia del paradiso by John Ajvide Lindqvist

Standard

Read this post in english


Questo libro è talmente strano che non so bene da dove cominciare.

L’inizio è intrigante: una mattina, gli abitanti di quattro roulotte, installate in un campeggio per l’estate, si svegliano e non trovano più il campeggio. Intorno a loro una landa verde quasi irreale e uno sconfinato cielo azzurro.

Inizia così una storia che sfocia in parte nell’horror, ma principalmente nel weird più estremo. I protagonisti (Roulotte 1: L’atletico Peter e la bellissima Isabel con la figlia Molly, Roulotte 2: Il mite Stefan con Carina e figio Emil, Roulotte 3: La strana coppia Olof e Lennart con gatto e Roulotte 4: l’irascibile Donald con la paziente moglie Majvor e il loro cane) cercano inizialmente di orientarsi in questo nuovo ambiente e di trovare indizi che li porteranno nuovamente nella sana, tranquilla realtà.

Con il passare del tempo il luogo anonimo però tira fuori il peggio da ognuno di loro: allucinazioni riportano a galla passati nascosti e le peggiori e violente inclinazioni di alcuni degli sventurati campeggiatori. I personaggi sono il fuoco del romanzo e sono ben caratterizzati, anche perchè la scelta narrativa è di seguire il punto di vista di ognuno di loro, con un paio di dovute e inquietati eccezioni.

La conclusione è l’apoteosi dell’incomprensibile, ed è anche per questo che il romanzo non mi ha convinta più di tanto, insomma buona l’esecuzione ma il finale mi ha lasciato più stranita del previsto, peccato, perchè invece avevo particolarmente apprezzato Lasciami entrare.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* Musica dalla spiaggia del paradiso by John Ajvide Lindqvist ★★☆☆☆

*Ho letto questo libro in inglese

[ARC] La memoria dell’acqua by Mathieu Reynès

Standard

Read this post in english


La storia inizia con un trasloco: la madre di Marion ha ereditato la casa di famiglia in un paesino di mare, e decide di stabilirsi lì con la figlia.

Marion è una bambina attenta e curiosa, e, dopo aver esplorato il paese e la costa vicino alla casa, si accorge di strane incisioni sulla roccia. A questo si aggiunge lo stano e burbero anziano che sembra vivere nel faro in mezzo al mare, accessibile a piedi solo con la bassa marea.

Indagando un po’ Marion trova indizi di leggende passate e collegamenti con i familiari che vivevano nel villaggio anni prima. Le leggende però sembrano farsi sempre più concrete, e una minaccia inizia a incombere sul paese.

La memoria dell’acqua è una storia gradevole ma sicuramente non eccezionale, tra colpi di scena abbastanza intuibili ed eventi poco probabili nella vita reale (Marion che viene lasciata libera di esplorare – e di rischiare la vita – in diverse occasioni). La parte grafica è molto ben realizzata, e contribuisce a dare ritmo alla narrazione.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria per scrivere questa recensione.


* La memoria dell’acqua by Mathieu Reynès ★★★☆☆

*Ho letto questo libro in inglese

[ARC] Water Memory by Mathieu Reynès

Standard

Leggi questo articolo in italiano


The story begins with a relocation: Marion’s mother inherited the family home in a fishermen’s village, and decides to move there with her daughter.

Marion is a clever and curios girl, after exploring the village and the coast near home, she discovers strange incisions on the rocks. There is also the strange and grouch old fisherman living in the lighthouse on a small island reachable by foot only during low tide.

After some time, Marion find hints of old legends and connections with her family living in the village. The legend seems to get more and more real, and to menace the serenity of the village.

Water Memory is a nice book, but not an exceptional one, with foreseeable developments and unlikely behaviours in real life (Marion is free to explore – and to risk her life – in more than one occasion). The graphical part is well-developed, and helps in providing rhythm to the narration.

Thanks to the publisher for providing me the copy necessary to write this review.


* Water Memory by Mathieu Reynès ★★★☆☆

*I read this book in english